Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Seguiva le vittime fino a casa, poi rivendeva le bici da corsa all'Est

IN MANETTE IL LUPIN DELL BICI, DERUBATO ANCHE FAUSTO PINARELLO

Arrsetato dalla Polizia un moldavo di 33 anni


TREVISO - Nella lunga lista dei suoi bersagli, c’è anche una vittima eccellente: Fausto Pinarello. Roman Palmariuc 33enne moldavo, arrestato dalla Polizia di Treviso, era specializzato nei furti di biciclette da corsa. Aveva messo a punto una tecnica collaudata: seguiva i ciclisti, spesso anche lui in sella ad una bici, per scoprire dove abitavano. Individuato e fotografato l’obiettivo, tornava in un secondo momento: forzava il garage e rubava le due ruote, ovviamente di notevole valore. Poi le smontava e le rivendeva nell’Europa dell’est, in prevalenza nel suo paese d’origine. Lo scorso 18 maggio ha colpito anche a casa del patron del noto marchio del settore, in pieno centro. Bottino, due biciclette, oltre a due set di gomme Campagnolo e altrettanti di chiavi, per un importo complessivo intorno ai 23mila euro.
L’immigrato è stato fermato la scorsa settimana, in zona Eden, dopo che aveva tentato di sfuggire ad un controllo: con sé aveva degli arnesi da scasso. Le indagini degli investigatori della Squadra Mobile trevigiana, diretti da Claudio Di Paola, hanno permesso di attribuirgli il furto a casa Pinarello. Mentre il gip ha convalidato l’arresto, si stanno vagliando elementi per verificare un suo collegamento anche con altri episodi simili.