Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dipendenti della cooperativa hanno incrociato le braccia dalle 8 alle 12

TURNI MASSACRANTI, SCIOPERO ALLA SERENA

Se l'azienda non tornerà sui propri passi pronta un'altra giornata di sciopero


TREVISO. Quattro ore di sciopero contro la cooperativa che ha in appalto la gestione dei profughi all'ex caserma Serena. Una trentina di dipendenti della "Nova Facility" ha manifestato all'esterno della struttura dopo la decisione di variare i turni e i giorni di lavoro. I lavoratori ed il sindaco Adl Cobas hanno spiegato di essere sottoposti a ritmi e turni eccessivi, proprio ora che le condizioni all'interno dell'ex caserma sono migliorate con il progressivo svuotamento e con il numero di profughi ridotto a circa 350.
"Prima i dipendenti lavoravano quattro giorni e riposavano due, ora i giorni lavorativi sono passati a cinque e i riposi sono ridotti ad una giornata - spiega Sergio Zulian di Adl Cobas - Questo significa circa 55 giorni di lavoro in più all'anno. Una situazione insostenibile che non permette di fornire un'adeguata assistenza chi è ospitato all'interno della Serena".
I lavoratori che oggi hanno aderito in massa all'agitazione accusano la cooperativa di aver preso una decisione in modo unilaterale senza mai intavolare una discussione, nonostante un tavolo aperto in Prefettura che però non ha sortito alcun effetto positivo.

"Quello di oggi è stato uno sciopero simbolico - aggiunge Zulian - Se nei prossimi giorni ci sarà ancora una chiusura totale da parte dell'azienda siamo pronti a scendere ancora in strada e incrociare le braccia per tutta la giornata".