Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dipendenti della cooperativa hanno incrociato le braccia dalle 8 alle 12

TURNI MASSACRANTI, SCIOPERO ALLA SERENA

Se l'azienda non tornerà sui propri passi pronta un'altra giornata di sciopero


TREVISO. Quattro ore di sciopero contro la cooperativa che ha in appalto la gestione dei profughi all'ex caserma Serena. Una trentina di dipendenti della "Nova Facility" ha manifestato all'esterno della struttura dopo la decisione di variare i turni e i giorni di lavoro. I lavoratori ed il sindaco Adl Cobas hanno spiegato di essere sottoposti a ritmi e turni eccessivi, proprio ora che le condizioni all'interno dell'ex caserma sono migliorate con il progressivo svuotamento e con il numero di profughi ridotto a circa 350.
"Prima i dipendenti lavoravano quattro giorni e riposavano due, ora i giorni lavorativi sono passati a cinque e i riposi sono ridotti ad una giornata - spiega Sergio Zulian di Adl Cobas - Questo significa circa 55 giorni di lavoro in più all'anno. Una situazione insostenibile che non permette di fornire un'adeguata assistenza chi è ospitato all'interno della Serena".
I lavoratori che oggi hanno aderito in massa all'agitazione accusano la cooperativa di aver preso una decisione in modo unilaterale senza mai intavolare una discussione, nonostante un tavolo aperto in Prefettura che però non ha sortito alcun effetto positivo.

"Quello di oggi è stato uno sciopero simbolico - aggiunge Zulian - Se nei prossimi giorni ci sarà ancora una chiusura totale da parte dell'azienda siamo pronti a scendere ancora in strada e incrociare le braccia per tutta la giornata".