Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A luglio era scomparso anche il fratello pił giovane Carlo

MORTO GILBERTO BENETTON, VENERDI ALLE 11 L'ULTIMO SALUTO IN DUOMO

Era uno dei quattro fondatori dell'impero imprenditoriale


TREVISO - Un altro grave lutto colpisce la comunità trevigiana e il mondo imprenditoriale italiano e mondiale. Gilberto Benetton è morto a 77 anni: malato da tempo, da alcuni giorni le sue condizioni erano peggiorate e, nonostante il ricovero in ospedale, non si è più ripreso. Insieme ai fratelli Luciano, Giuliana e Carlo (scomparso, a sua volta, appena il 10 luglio scorso a 74 anni) nel 1965 aveva fondato l'omonimo gruppo dell'abbigliamento, divenuto via via uno dei marchi più noti al mondo e uno degli emblemi del miracolo economico del Nordest.
Nei decenni l'azienda si è sviluppata in un colosso di livello internazionale in molteplici settori. E, se Luciano era l'anima creativa e Giuliana e Carlo gli esperti della produzione, proprio Gilberto è considerato la mente finanziaria, l'artefice della diversificazione anche in settori diversi dal tessile fino a creare, insieme ad un pool di manager fidati, un impero economico da oltre 10 miliardi di fatturato, esteso dalla autostrade, agli aeroporti, alle telecomunicazioni.
Oltre che consigliere dell'azienda dei Colori Uniti, è stato vicepresidente di Edizine Holding, la finanziaria di famigli, e ha ricorperto incarichi di vertice in Autogrill, Atlantia, Mediobanca, Pirelli & C. e Allianz. Secondo la rivista Forbes era il 12° uomo più ricco al mondo.
Ma è stato anche un grande uomo di sport, dalla pallacanestro, al volley, alla Formula 1. Dalla fine degli anni '80, soprattutto su suo impulso, erano nate la Benetton Basket e la Sisley Volley (oltre al Benetton rugby), presto giunte al vertice delle rispettive discipline, oltre alla creazione della cittadella dello sport de La Ghirada e il Palaverde. Proprio per la sua attività nella pallacanestro, dal 2012 era stato inserito nell'Italia Basket Hall of Fame . I funerali saranno celebrati venerdi alle 11 in Duomo a Treviso, lo stesso luogo dove lo scorso 13 luglio furono celebrati i funerali di Carlo, l'ultimogenito della famiglia di industriali.

La scomparsa di Gilberto Benetton ha suscitato profondo cordoglio nel mondo economico, politico e sportivo. 

Maria Cristina Piovesana, presidente vicario di Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova Treviso, così ricorda l'industriale trevigiano: "E' con grande dolore e commozione che porgiamo le condoglianze  di tutta Assindustria Venetocentro alla famiglia Benetton per la perdita del Signor Gilberto. La sua figura è stata un esempio di uomo e di imprenditore che ha saputo unire semplicità, umanità, grande radicamento e affetto verso il suo territorio con una visione di grande respiro aperta al mondo, che ha concorso a creare uno dei più grandi gruppi industriali del nostro Paese". "Unindustria Treviso prima e Assindustria Venetocentro - continua ancora Piovesana - poi lo hanno sempre avuto partecipe, autorevole e illuminato, delle vicende associative. Da ultimo, è stato convinto sostenitore del progetto di integrazione tra le Associazioni di Padova e Treviso intervenendo lo scorso giugno all'Assemblea costitutiva di Assindustria Venetocentro. Siamo tutti vicini alla sua famiglia, ai fratelli Giuliana e Luciano, e a tutto il Gruppo, certi che sapranno affrontare anche questa prova grazie alla solidità degli affetti, alle competenze di tutti i collaboratori in azienda e all'esempio, umano e imprenditoriale, che il Signor Gilberto ha dato e continuerà a dare". 


"Da parte di tutta Confindustria Veneto e mia - dichiara Matteo Zoppas, presidente regionale di Confindustria - voglio esprimere il più grande cordoglio alla famiglia Benetton per la scomparsa di Gilberto. Gilberto, insieme a Carlo, apparteneva a quella classe imprenditoriale che ha fatto grande il Veneto e l'Italia nel mondo. Con lui scompare un altro testimone di quell'epoca d'oro in cui il saper fare, proprio della nostra regione, ha saputo imporsi a livello internazionale, grazie alla capacità di innovare e internazionalizzare, indicando alla nostra generazione il percorso da seguire".

Bruno Vianello, presidente della Texa di Monastier, conosceva personalmente Gilberto Benetton: "Qualche anno fa eravamo andati insieme a visitare la Ferrari: un’esperienza per me indimenticabile. Oltre che un grande imprenditore, è stato anche un grande uomo, di grande intelligenza e, al tempo stesso, molto concreto. Il suo gruppo ha dato moltissimo al territorio trevigiano: non solo in termini di lavoro per i suoi dipendenti e di indotto per altre aziende, ma anche ad esempio, con lo sport".

Anche il sindacato si stringe alla famiglia e ai lavoratori del gruppo dopo la tragica notizia: Cinzia Bonan, segretaria generale della Cisl Belluno Treviso: “Ha portato Treviso nel mondo e il mondo a Treviso, attraverso la sua capacità di imprenditore, che ha saputo estendere non solo al settore tessile - conferma Cinzia Bonan, segreatria generale della Cisl Belluno Treviso -. E ha insegnato ad avere capacità generativa nel territorio: con l’impegno nello sport ha coinvolto in modo concreto tanti ragazzi e ragazze in un ideale di fratellanza e unione”.