Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/258: GUIDO MIGLIOZZI ESULTA AL KENYA OPEN

Primo successo sull'European Tour del 22enne vicentino


NAIROBI (KENYA) - Dopo aver seguito le prodezze di Francesco Molinari in Florida impegnato nel Players Championship, trasferiamoci ora in Kenya, a seguire la destrezza degli azzurri impegnati nel Magical Kenya Open del Tour europeo, sul percorso del Karen CC a Nairobi.Degli azzurri, a scendere in...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era ricoverato da due giorni al Cà Foncello di Treviso

MORTO L'UOMO COLPITO DA MENINGITE

Il 46enne di Maserada lascia la moglie e due figlie


TREVISO. E' morto ieri pomeriggio al Cà Foncello il 46 enne di Maserada ricoverato da  due giorni per meningite da pneumococco. Il quadro clinico si era improvvisamente aggravato. L'uomo, padre di due bambine era arrivato in ospedale dopo che la moglie lo aveva trovato in stato di incoscienza a letto. La sera prima aveva accusato febbre, mal di testa e mal d’orecchi. Sospettando un’otite, aveva assunto delle gocce contro il dolore e si era coricato. Giunto al Ca' Foncello è stato subito trasferito in rianimazion. Nel giro di qualche ora dal ricovero l’unità Operativa di Microbiologia ha identificato il batterio causa delle meningite: si trattava di pneumococco.
Questo tipo di meningite, a differenza di altre forme, non dà origine a focolai epidemici. Per questo motivo non richiede nemmeno interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti stretti.