Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Partita combattuta, Treviso la vince in difesa

IL DERBY VENETO VA ALLA DE LONGHI: 75-66

Grandi Imbrò e Uglietti, due punti di platino


TREVISO - Torna a vincere la De Longhi, e lo fa nel derby veneto a spese della Tezenis. Non proprio spettacolari i primi quattro minuti di gioco, con entrambe le squadre che litigano con il ferro. Wayns apre il match e Tessitori su assist di Burnett è libero di appoggiare a canestro il +4 TVB (6-2). Le qualità da oltre l’arco della Scaligera compensano le diverse palle perse in attacco. Amato e Candussi vanno a bersaglio e segnano il primo vantaggio ospite (8-10). Con le polveri bagnate da oltre l’arco, TVB preferisce il gioco in penetrazione. Imbrò ne è un ottimo esecutore: lascia sul posto Udom e realizza con fallo il nuovo vantaggio trevigiano (13-10). Il capitano gialloblu Amato è caldissimo (8 pt) dai 6,75, cosi come il solito Matteo Imbrò, ormai definito “l’uomo dell’ultimo tiro”, che muove la retina e chiude il quarto sul 16-17. Il secondo quarto inizia con Verona che non sta a guardare gli errori in attacco di TVB. La coppia play della Tezenis Amato-Ferguson in un amen allunga il divario chiuso da Ikangi, che costringe coach Menetti a chimare time-out (20-27). Riorganizzate le idee e aumentata l’intensità difensiva, la De’Longhi si scrolla la tensione che l’aveva “bloccata” in questa prima fase di match. Ad innescare la miccia ci pensa Maalik Wayns, cedendo poi la fiaccola a Burnett che colpisce per due volte consecutive per il pareggio (32-32). Preso il ritmo, i ragazzi di coach Menetti non si fermano e sempre con la coppia americana completano il maxi parziale di 14-2 che vale il +4 a metà partita (40-34). Al rientro dall’intervallo le parti si invertono, la prima bomba di Henderson accende la spia rossa che indica il pericolo di un imminente ritorno della Scaligera (43-39), che ben presto diventa un vero campanello d’allarme perché il parziale di 15-4 riporta avanti gli ospiti che conducono così per 47 a 51. Coach Menetti cerca il leader in campo per tornare in partita e Matteo Imbrò risponde presente, sia in difesa che in attacco. È ovunque! Proprio il numero 12 di TVB strappa dalle mani di Candussi il pallone che sarà poi splendidamente servito al liberissimo Chillo per il -2 (51-53). L’inerzia della gara cambia, il Palaverde spinge il quintetto trevigiano al sorpasso che avviene con la tripla di Uglietti prima che Alviti chiuda il terzo quarto (60-57). One man show è senz’ombra di dubbio Matteo Imbrò, il vero man of the match del derby, ma è tutta la squadra che è tornata a giocare con grande sintonia. Chillo lotta come un leone sotto alle plance ed è suo il canestro con fallo che sentenzia la fine delle ostilità. A prevalere è stata l’energia mostrata da TVB per tutti e quaranta i minuti contro una Scaligera che, oltre al gioco tre punti, non ha trovato molte soluzioni efficaci nei propri lunghi.

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – TEZENIS VERONA 75-66
DE’ LONGHI: Tessitori 2 (1/3, 0/1), Burnett 16 (6/9, 1/4), Alviti 10 (5/7, 0/4), Wayns 13 (2/6, 3/6), Imbrò 16 (3/7, 2/6), Epifani (0/1, 0/1), Chillo 9 (3/4, 0/2), Uglietti 7 (2/7, 1/1), Lombardi 2 (1/2, 0/1). N.e.: Sarto, Barbante, Tomassini. All.: Menetti.
TEZENIS: Ferguson 12 (2/6, 2/5), Amato 19 (1/3, 5/8), Candussi 11 (4/6, 1/4), Henderson 5 (1/3, 1/1), Maspero (0/1 da 3), Udom 9 (3/10, 0/2), Quarisa 2 (1/1 d 2), Severini 6 (1/2, 1/3), Ikangi 2 (1/1, 0/1). N.e.: Dieng All.: Dalmonte
ARBITRI: Noce, Centonza, Patti
NOTE: pq 16-17, sq 38-34, tq. Tiri liberi: TV 8/10, VR 8/14. Rimbalzi: TV 14+30 (Alviti 4+5), VR 6+26 (Candussi 3+7). Assist: TV 14 (Imbrò 4), VR 9 (Ferguson 3). Fallo antisportivo: Dominez Burnett (25’ 02’’). Fallo tecnico: Andrea Amato (31’ 15’’). Infortunio: Andrea Epifani (12’ 23’’). Spettatori: 4322

Gli altri risultati:

OraSì Ravenna-Unieuro Forlì          78-75
 Lavoropiù BO-Pompea MN             87-73
 Hertz Cagliari-Baltur Cento            76-87
 Assigeco PC-Gsa Udine                 65-73
 XL Montegranaro-Bakery PC          62-73
 Le Naturelle Imola-Bondi FE           73-62
 Roseto Sharks-Termoforgia Jesi     86-57

La classifica  
           
 Lavoropiù BO      12   Bakery PC         6
 XL Montegranaro 10   Imola               6
 Unieuro Forlì        8   Assigeco PC       4
 De'Longhi TV       8   Pompea Mantova 4
 Baltur Cento        8   Tezenis Verona   4
 Bondi Ferrara      6   Roseto Sharks    4
 OraSì Ravenna     6   T.Forgia Jesi       2
 GSA Udine          6   Hertz Cagliari       2