Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La generositą dell'associazione in ricordo del calciatore trevigiano

OLTRE CENTOMILA EURO IN BENEFICIENZA DAGLI AMICI DI FABIO OLIVOTTO

Anche nel 2018 donazioni per le famiglie bisognose e ricerca sulla Sla


PIEVE DI SOLIGO - A chiusura del sesto anno di attività, si è svolta alcune sere fa, all’Auditorium “Battistella Moccia” di Pieve di Soligo la serata di beneficenza dell’Associazione Amici di Fabio Olivotto. La serata è stata aperta Il presidente Antonio Masetdel presidente Antonio Maset, che ha sottolineato come questo annuale evento sia l’appuntamento più importante ed emozionante per i soci dell'Associazione, poiché durante questa cerimonia viene dato ogni anno un contributo diretto e concreto alle famiglie bisognose del territorio, nel ricordo del noto calciatore Fabio Olivotto, morto nel 2012 a causa della Sla.
Durante la serata sono stati quindi consegnati i contributi economici per un totale di 28mila euro, così ripartiti: 27mila suddivisi tra nove famiglie del territorio (residenti nei comuni di Pieve di Soligo, Farra di Soligo, Refrontolo, Vidor, San Pietro di Feletto, Cappella Maggiore, Sernaglia della Battaglia, Santa Lucia di Piave e Vittorio Veneto) e mille euro all’Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica. Con la quota raccolta nel 2018 viene raggiunta la considerevole cifra di centomila euro, raccolti in sei anni dall’associazione. Di questi, 81mila euro sono già stati donati a 27 famiglie, seimila alla ricerca sulla Sla, diecimila all’Associazione Fabrizio Viezzer onlus di Soligo e tremila al Comune di Farra di Soligo per progetti a sostegno dei disabili.
I soldi raccolti sono frutto dell’annuale torneo di calcio giovanile, degli sponsor e di donazioni private. Per portare la propria testimonianza e sostegno all’operato dell’associazione, sul palco dell’auditorium sono intervenuti, in successione, il sindaco di Pieve di Soligo, Stefano Soldan, il consigliere regionale Alberto Villanova, il rappresentante della sezione Aia. di Conegliano Doriano Zambon e il referente Aisla di Belluno Luciano Tulimiero. Oltre ai sopracitati hanno presenziato all’evento: i sindaci di Vidor e di San Pietro di Feletto e rappresentanti delle amministrazioni di Cappella Maggiore, Farra di Soligo, Sernaglia della Battaglia e Santa Lucia di Piave. Il presidente Antonio Maset ha rivolto un particolare ringraziamento agli sponsor che sostengono l’associazione, alla sezione Aia di Conegliano che fornisce gli arbitri per il torneo di calcio giovanile, alla Figc che permette lo svolgimento del torneo, alle amministrazioni comunali di Cappella Maggiore e Santa Lucia di Piave che mettono a disposizione le strutture comunali e agli alpini del gruppo Ana di Soligo.
Diego Berti