Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fermato dalla Polizia locale, multa di 400 euro

"DIMENTICA" LA REVISIONE DELLA SUA MOTO PER NOVE VOLTE

Trevigiano non ha mai fatto controllore la sua Kawasaki in 30 anni


TREVISO - Una moto tenuta a puntino. Talmente in ordine che, B. C., 57enne di Treviso, deve aver pensato che, per la sua Kawasaki 750 del 1987, la revisione fosse addirittura superflua. Ieri, però, il motociclista è stato fermato da una pattuglia della Polizia Locale di Treviso per un normale controllo, durante il quale è stata riscontrata una maxi irregolarità: il motoveicolo, infatti, non era mai stato sottoposto alla revisione. Di fatto, l’uomo aveva “saltato” il controllo obbligatorio per ben nove volte. Una dimenticanza - si fa per dire - costata 400 euro di sanzione amministrativa e la sospensione del mezzo fino alla revisione che, stavolta, non sarà procrastinabile.
"È sempre opportuno verificare la data di scadenza della revisione - ricorda il Comandante della Polizia Locale, Maurizio Tondato - Non solo per evitare pesanti sanzioni ma, soprattutto, per garantire la sicurezza propria e di tutti gli altri utenti della strada. Inoltre, i sistemi di rilevazione targhe sono in grado di intercettare automaticamente i veicoli non assicurati e non revisionati: la probabilità di essere sottoposti ad un controllo mirato è altissima".