Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oltre200 gli eventi nel programma della kermesse scaligera

RE, PRESIDENTI, INDIANI COWBOY: FIERACAVALLI, UNA STORIA LUNGA 120 ANNI

Successo per la rassegna del mondo equestre a Verona


VERONA - E' da poco calato il sipario sui 120 anni della manifestazione alla Fiera di Verona, rassegna internazionale di riferimento per il settore, condensante il meglio del mondo equestre che ha visto cambiare la funzione del cavallo, da mezzo di trasporto e forza motrice nei campi, a compagno dell’uomo nelle escursioni turistiche, nelle terapie mediche o nel divertimento delle gare ippiche.
Fieracavalli non mostra i segni del tempo, segna i numeri del successo. Le quattro giornate di fiera hanno registrato 160mila presenze da oltre 60 nazioni, 750 aziende espositrici provenienti da 25 paesi, e 35 associazioni di allevatori, presenti 2.400 cavalli di più di 60 razze.
Sono 10 milioni gli appassionati del cavallo, un terzo dei quali è neofita, salito in sella nell’ultimo anno, ed è proprio Fieracavalli a giocare un ruolo fondamentale, unico in Italia, nella promozione e valorizzazione di un comparto di interesse nazionale.
Sono stati 200 gli eventi sportivi e gli spettacoli. Oltre ai tradizionali appuntamenti in programma come (la Coppa del Mondo di salto ostacoli, il Gala d’Oro, il Westernshow), hanno debuttato il Gran Premio 120x120 e Horse Friendly, il marchio di qualità che certifica agriturismi e strutture ricettive a misura di cavallo. La manifestazione, infatti, esprime anche un driver fondamentale per lo sviluppo del turismo equestre. Si è rilevato che questa forma di vacanza alternativa, oltre alle passeggiate in sella, è sempre più praticata, e con una spesa non rilevante. Tanto interesse, 3mila spettatori al giorno, c’è stato anche per il progetto Horse training, che si basa sull’empatia e il rispetto del cavallo.
“Da quattro anni sensibilizziamo le persone ad avere una corretta cultura del cavallo – spiega Nicole Berlusconi, presidente della commissione etica – … Sono soprattutto gli addetti ai lavori che devono avere come priorità il rispetto per questo animale”.
Progetto Islander, Ulss20, Carabinieri e Team WOW erano attenti a garantire sempre le migliori condizioni di stallo e di comfort ai cavalli, i veri protagonisti della rassegna.
Impegnati nelle diverse gare, gli allievi Fise del settore salto ostacoli della provincia di Cuneo
Ben nove le amazzoni inserite nel Master Sport 2018
Talent Rider è stata l’amazzone cuneese Alessia Costalla che con i suoi tre talentuosi cavalli è stata impegnata in tre differenti gare.
Dal motociclismo all’equitazione: per la prima volta presentato in Italia l’airbag per il
cavaliere. Un sistema protettivo che si attiva da una cartuccia ricaricabile di gas co2 in un decimo di secondo, proteggendo in caso di caduta la schiena e il collo di chi sta in sella.
Fieracavalli è tradizione, è passione ma anche mestiere; ad animare la Cittadella della Mascalcia, c’è stata la gara nazionale organizzata degli Operatori. Un concorso molto interessante che ha attirato l’attenzione su un mestiere di grande importanza nelle attività equestri.
Chi trova un buon maniscalco, infatti, trova un tesoro. La ferratura giusta, la buona cura del piede, è fondamentale per preservare la salute, la forma e la prestanza del cavallo. Ed è un’arte spettacolare un’arte che non smette mai di incantare. Affascinati dal rosso vivo dei ferri incandescenti, sono stati numerosi gli spettatori ad accorrere intorno ai concorrenti.
La prova riservata ai professionisti, ha visto un finale a 4 maniscalchi per la ferratura. Han dovuto dapprima forgiare i ferri, e applicarli poi ai piedi del cavallo. L’organizzazione ha messo a disposizione solo un’incudine, una forgia, e una verga di ferro da forgiare. I rimanenti attrezzi necessari (morsa, secchio, ecc.) se li son dovuti portare i partecipanti.
Ha oltrepassato quota un milione il numero di capi iscritti all’Anagrafe registrati nella
biodiversità di cavalli, asini, muli, bardotti, ma anche di zebre, zebralli e zebrasini. Trend in crescita nell’ultimo decennio.
Oggi il maggior interesse, che coinvolge un gran numero di persone, è per il turismo equestre, un vero fenomeno in espansione, che unisce la passione per i cavalli a quella del godere la natura.
Paolo Pilla