Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La struttura dovrebbe sorgere a Olmi

CENTRO PER ANZIANI DA 120 POSTI LETTO. COMUNE E ULS FAVOREVOLI

Previsto anche un centro per accogliere venti disabili


SAN BIAGIO DI CALLALTA. Un centro servizio per anziani non autosufficienti, con 120 posti letto, e una struttura “Dopo di noi” per accogliere 20 disabili. E’ la proposta a cui sta lavorando il sindaco di San Biagio di Callalta, Alberto Cappelletto, cogliendo la volontà manifestata nei giorni scorsi da Sereni Orizzonti Spa di realizzare l’intervento su un lotto di circa 14 mila metri quadri in via Agozzo a Olmi, area che ha già opzionato con la stipula di un contratto preliminare. Un progetto, coerente con quanto previsto dal Piano di zona dell’Ulss 2 Marca trevigiana, che ha per questo l’avvallo anche del direttore generale Francesco Benazzi.

Sulla proposta, protocollata in Comune in data 17 ottobre, l’Amministrazione comunale ha espresso il proprio apprezzamento. “Quotidianamente – scrive il sindaco Alberto Cappelletto nella lettera inviata alla holding di Udine presente con le sue 85 strutture per anziani e disabili in ben 10 regioni italiane - accogliamo manifestazioni di difficoltà dei nostri nuclei familiari relativamente ad una offerta di posti letto delle residenze per anziani ormai non più confacente ai bisogni. Le famiglie chiedono infatti sempre più la disponibilità di ambienti di cura idonei, a fronte dell’aumento del numero di anziani che vivono parte della loro vita in condizioni di non autosufficienza sommata alle difficoltà di conciliare i tempi di cura con le altre necessità familiari”.

Il progetto è stato già oggetto di un primo incontro con la Direzione dell’azienda sanitaria che avrebbe valutato positivamente la volontà manifestata da Sereni Orizzonti. “Come Ulss 2 siamo soddisfatti che l’Amministrazione comunale abbia deciso di avviare questo progetto – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana -. E’ un’iniziativa coerente con quanto previsto dai piani di zona che sosterremo in un clima di sinergia istituzionale”.

L’esperienza acquisita dall’holding e la solidità finanziaria confermata da un piano di investimenti per il biennio 2018-2019 pari a oltre 180 milioni di euro e da nuovi cantieri aperti in tutta Italia, tra cui anche a Marcon e Cinto Caomaggiore, sembrano offrire all’Amministrazione comunale di San Biagio di Callalta le garanzie per poter offrire alle famiglie del territorio una struttura dagli alti standard abitativi, con una gestione razionale delle risorse impegnate nell’assistenza, spazi verdi fruibili dagli ospiti e un inserimento territoriale non impattante. Sereni Orizzonti, nell’ipotesi progettuali presentate al Comune, intende riproporre il modello di residenza in corso di edificazione a Marcon, impegnandosi a portare a termine l’opera, una volta ottenute tutte le autorizzazioni necessarie, in 400 giorni di calendario.