Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La struttura dovrebbe sorgere a Olmi

CENTRO PER ANZIANI DA 120 POSTI LETTO. COMUNE E ULS FAVOREVOLI

Previsto anche un centro per accogliere venti disabili


SAN BIAGIO DI CALLALTA. Un centro servizio per anziani non autosufficienti, con 120 posti letto, e una struttura “Dopo di noi” per accogliere 20 disabili. E’ la proposta a cui sta lavorando il sindaco di San Biagio di Callalta, Alberto Cappelletto, cogliendo la volontà manifestata nei giorni scorsi da Sereni Orizzonti Spa di realizzare l’intervento su un lotto di circa 14 mila metri quadri in via Agozzo a Olmi, area che ha già opzionato con la stipula di un contratto preliminare. Un progetto, coerente con quanto previsto dal Piano di zona dell’Ulss 2 Marca trevigiana, che ha per questo l’avvallo anche del direttore generale Francesco Benazzi.

Sulla proposta, protocollata in Comune in data 17 ottobre, l’Amministrazione comunale ha espresso il proprio apprezzamento. “Quotidianamente – scrive il sindaco Alberto Cappelletto nella lettera inviata alla holding di Udine presente con le sue 85 strutture per anziani e disabili in ben 10 regioni italiane - accogliamo manifestazioni di difficoltà dei nostri nuclei familiari relativamente ad una offerta di posti letto delle residenze per anziani ormai non più confacente ai bisogni. Le famiglie chiedono infatti sempre più la disponibilità di ambienti di cura idonei, a fronte dell’aumento del numero di anziani che vivono parte della loro vita in condizioni di non autosufficienza sommata alle difficoltà di conciliare i tempi di cura con le altre necessità familiari”.

Il progetto è stato già oggetto di un primo incontro con la Direzione dell’azienda sanitaria che avrebbe valutato positivamente la volontà manifestata da Sereni Orizzonti. “Come Ulss 2 siamo soddisfatti che l’Amministrazione comunale abbia deciso di avviare questo progetto – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana -. E’ un’iniziativa coerente con quanto previsto dai piani di zona che sosterremo in un clima di sinergia istituzionale”.

L’esperienza acquisita dall’holding e la solidità finanziaria confermata da un piano di investimenti per il biennio 2018-2019 pari a oltre 180 milioni di euro e da nuovi cantieri aperti in tutta Italia, tra cui anche a Marcon e Cinto Caomaggiore, sembrano offrire all’Amministrazione comunale di San Biagio di Callalta le garanzie per poter offrire alle famiglie del territorio una struttura dagli alti standard abitativi, con una gestione razionale delle risorse impegnate nell’assistenza, spazi verdi fruibili dagli ospiti e un inserimento territoriale non impattante. Sereni Orizzonti, nell’ipotesi progettuali presentate al Comune, intende riproporre il modello di residenza in corso di edificazione a Marcon, impegnandosi a portare a termine l’opera, una volta ottenute tutte le autorizzazioni necessarie, in 400 giorni di calendario.