Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il volontariato della Marca continua nei progetti di inclusione sociale

GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE, L'ALLARME DI VOLONTARINSIEME TREVISO

Colpa dei tagli al fondo nazionale per il prossimo anno


TREVISO - Sono all’opera nelle biblioteche e negli uffici dei Comuni, nei progetti con i bambini o nell’assistenza agli anziani, ai disabili, ai poveri. Sono 240 ragazzi dai 18 ai 28 anni impegnati nel servizio civile in provincia di Treviso. Dal prossimo anno però, rischiano di essere la metà o meno. Il fondo nazionale per il bando del 2019, infatti, è stato dimezzato dalla nuova Legge di bilancio. A lanciare l’allarme è Alberto Franceschini, presidente di Volontarinsieme- Csv Treviso, l’organismo di coordinamento delle associazioni di volontariato della Marca
Non è l’unica fonte di preoccupazione, per il mondo del volontariato trevigiano. Un altro fronte riguarda la possibilità che le attività svolte da molte associazioni in convenzione con i Comuni del territori debbano essere messe a gara pubblica.
Sul tema dei rapporti tra terzo settore e pubbliche amministrazioni, il Csv ha organizzato anche un seminario, il 17 novembre, primo di una serie di tre incontri di approfondimento.
Pur nelle difficoltà, Volontarinsieme, insieme alle associazioni, continua a portare avanti diversi progetti. Tra i tanti, Stacco, servizio di trasporto sociale, che in provincia, ha percorso 190mila km e trasportato 4.500 utenti, grazie a 27 autisti volontari.
Oppure il Progetto Vicinanza prossimità sostegno, in collaborazione con Ebicom, l’ente bilaterale del terziario provinciale: nel 2018, 28 lavoratori del comparto, licenziati, stanno ricevendo un’integrazione al sussidio di disoccupazione in cambio di 40 ore mensili da svolgere in associazioni di volontariato. O ancora il Ria, percorsi destinati a persone in condizioni di forte difficoltà, segnalate dagli uffici sociali dei Comuni, come ricorda Alessia Crespan, operatrice del Csv Treviso.