Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ufficiale l'addio a Gumirato: all'ex dg buonuscita da 1,3 milioni lordi

ASCOPIAVE, NEI PRIMI NOVE MESI RICAVI IN CRESCITA

Calano, però, margini e utili del gruppo di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Ricavi in crescita, ma utile in frenata. Luci e ombre nel bilancio dei primi nove mesi del 2018, per Ascopiave.
Il gruppo dell'energia di Pieve di Soligo ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con ricavi consolidati a 402,8 milioni di euro, rispetto ai 377,3 milioni registrati nello stesso periodo dell'esercizio precedente, con un aumento del 6,8%.
L’incremento del fatturato, spiega una nota dell'azienda, è determinato principalmente dai ricavi per vendite di gas (più 15,9 milioni), dai maggiori ricavi di vendita dell’energia elettrica (8,4 milioni), dai ricavi per vendite di materia prima (più 7,3 milioni) e dall’inserimento in bilancio delle nuove società acquisite (per 5 milioni). Questi aumenti sono stati parzialmente compensati dai minori ricavi iscritti per il conseguimento degli obblighi di risparmio energetico (pari a meno 11,8 milioni).
In calo, però, la redditività: Il margine operativo lordo al terzo trimestre si attesta a 57,5 milioni, contro i 58,9 milioni del 2017. Si contrae anche l’utile netto consolidato, passato a 31,3 milioni a fronte dei 33,6 milioni registrati a settembre 2017 (quasi sette punti in meno). La posizione finanziaria netta, pari a 86,5 milioni, è invece in miglioramento rispetto alla fine dell’anno scorso, così come il rapporto debito/patrimonio netto, allo 0,20, si conferma tra i migliori del settore.
“I numeri dei primi nove mesi del 2018 confermano la qualità del disegno industriale implementato dal gruppo e la resilienza della nostra struttura, capace di assorbire con reattività l’effetto di componenti straordinarie importanti – commenta il presidente Nicola Cecconato -. I risultati mostrano ancora un equilibrio economico-finanziario eccellente, ai vertici del settore, riflesso della capacità del gruppo di valorizzare strategicamente i propri asset, per uno sviluppo efficace dei business in cui opera.
Diventa operativa la risoluzione del contratto con il direttore generale Roberto Gumirato: l'ex manager, nel frattempo assunto dalla Came di Dosson, tra premi e indennità, riceverà una buonuscita di 1,3 milioni di euro lordi.