Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ufficiale l'addio a Gumirato: all'ex dg buonuscita da 1,3 milioni lordi

ASCOPIAVE, NEI PRIMI NOVE MESI RICAVI IN CRESCITA

Calano, però, margini e utili del gruppo di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Ricavi in crescita, ma utile in frenata. Luci e ombre nel bilancio dei primi nove mesi del 2018, per Ascopiave.
Il gruppo dell'energia di Pieve di Soligo ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con ricavi consolidati a 402,8 milioni di euro, rispetto ai 377,3 milioni registrati nello stesso periodo dell'esercizio precedente, con un aumento del 6,8%.
L’incremento del fatturato, spiega una nota dell'azienda, è determinato principalmente dai ricavi per vendite di gas (più 15,9 milioni), dai maggiori ricavi di vendita dell’energia elettrica (8,4 milioni), dai ricavi per vendite di materia prima (più 7,3 milioni) e dall’inserimento in bilancio delle nuove società acquisite (per 5 milioni). Questi aumenti sono stati parzialmente compensati dai minori ricavi iscritti per il conseguimento degli obblighi di risparmio energetico (pari a meno 11,8 milioni).
In calo, però, la redditività: Il margine operativo lordo al terzo trimestre si attesta a 57,5 milioni, contro i 58,9 milioni del 2017. Si contrae anche l’utile netto consolidato, passato a 31,3 milioni a fronte dei 33,6 milioni registrati a settembre 2017 (quasi sette punti in meno). La posizione finanziaria netta, pari a 86,5 milioni, è invece in miglioramento rispetto alla fine dell’anno scorso, così come il rapporto debito/patrimonio netto, allo 0,20, si conferma tra i migliori del settore.
“I numeri dei primi nove mesi del 2018 confermano la qualità del disegno industriale implementato dal gruppo e la resilienza della nostra struttura, capace di assorbire con reattività l’effetto di componenti straordinarie importanti – commenta il presidente Nicola Cecconato -. I risultati mostrano ancora un equilibrio economico-finanziario eccellente, ai vertici del settore, riflesso della capacità del gruppo di valorizzare strategicamente i propri asset, per uno sviluppo efficace dei business in cui opera.
Diventa operativa la risoluzione del contratto con il direttore generale Roberto Gumirato: l'ex manager, nel frattempo assunto dalla Came di Dosson, tra premi e indennità, riceverà una buonuscita di 1,3 milioni di euro lordi.