Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/259: AL VIA LA NUOVA STAGIONE DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Come di consueto l'Aigg apre il campionato 2019 al Marco Simone


ROMA - La primavera era già esplosa, quando siamo andati a Roma per l’avvio del tour dei giornalisti golfisti. Alla prima giornata di tappa, però, abbiamo preso la pioggia. Come di consueto, il primo incontro era al Marco Simone Golf & Country Club, alle porte di Roma, che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ufficiale l'addio a Gumirato: all'ex dg buonuscita da 1,3 milioni lordi

ASCOPIAVE, NEI PRIMI NOVE MESI RICAVI IN CRESCITA

Calano, però, margini e utili del gruppo di Pieve di Soligo


PIEVE DI SOLIGO - Ricavi in crescita, ma utile in frenata. Luci e ombre nel bilancio dei primi nove mesi del 2018, per Ascopiave.
Il gruppo dell'energia di Pieve di Soligo ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con ricavi consolidati a 402,8 milioni di euro, rispetto ai 377,3 milioni registrati nello stesso periodo dell'esercizio precedente, con un aumento del 6,8%.
L’incremento del fatturato, spiega una nota dell'azienda, è determinato principalmente dai ricavi per vendite di gas (più 15,9 milioni), dai maggiori ricavi di vendita dell’energia elettrica (8,4 milioni), dai ricavi per vendite di materia prima (più 7,3 milioni) e dall’inserimento in bilancio delle nuove società acquisite (per 5 milioni). Questi aumenti sono stati parzialmente compensati dai minori ricavi iscritti per il conseguimento degli obblighi di risparmio energetico (pari a meno 11,8 milioni).
In calo, però, la redditività: Il margine operativo lordo al terzo trimestre si attesta a 57,5 milioni, contro i 58,9 milioni del 2017. Si contrae anche l’utile netto consolidato, passato a 31,3 milioni a fronte dei 33,6 milioni registrati a settembre 2017 (quasi sette punti in meno). La posizione finanziaria netta, pari a 86,5 milioni, è invece in miglioramento rispetto alla fine dell’anno scorso, così come il rapporto debito/patrimonio netto, allo 0,20, si conferma tra i migliori del settore.
“I numeri dei primi nove mesi del 2018 confermano la qualità del disegno industriale implementato dal gruppo e la resilienza della nostra struttura, capace di assorbire con reattività l’effetto di componenti straordinarie importanti – commenta il presidente Nicola Cecconato -. I risultati mostrano ancora un equilibrio economico-finanziario eccellente, ai vertici del settore, riflesso della capacità del gruppo di valorizzare strategicamente i propri asset, per uno sviluppo efficace dei business in cui opera.
Diventa operativa la risoluzione del contratto con il direttore generale Roberto Gumirato: l'ex manager, nel frattempo assunto dalla Came di Dosson, tra premi e indennità, riceverà una buonuscita di 1,3 milioni di euro lordi.