Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Barbisan: "Norme di buon senso anche per tutelare i monumenti"

"SULLE PANCHINE, CONTE SEGUE IL VANGELO SECONDO GENTILINI"

Lo Sceriffo plaude alle misure sul decoro urbano a Treviso


TREVISO - Nel 1997 aveva fatto eliminare le panchine dai giardini pubblici davanti alla stazione ferroviaria di Treviso per impedire che nullafacenti, stranieri e nostrani, vi trascorressero intere giornate. A oltre vent’anni di distanza, Giancarlo Gentilini può ritenersi soddisfatto: i nuovi divieti contro chi si sdraia o insozza sedute, balaustre o grandini di monumenti pubblici, varati dall’amministrazione comunale di Treviso, esulta lo Sceriffo, vanno proprio nella direzione tracciata allora.
E se il Comune segue il “vangelo secondo Gentilini”, l’appello dell’ex sindaco alla Chiesa trevigiana è di applicare il vangelo di Cristo, per dare ricovero ai senza tetto sfrattati dalle panchine.
Mario Conte, attuale primo cittadino, ribadisce che le nuove prescrizioni puntano solamente a fornire alla Polizia locale strumenti normativi adeguati per far osservare il giusto grado di decoro in città, specie nei luoghi di valore storico e artistico. “Semplici norme di buon senso – ribadisce il capogruppo della Lega in Consiglio comunale e consigliere regionale, Riccardo Barbisan – che una volta insegnavano le mamme e che oggi tocca purtroppo inserire in un regolamento”.
Le opposizioni, però, partono all’attacco: divieti inutili, accusano, istituiti per dare un contentino a qualche consigliere. “Verrebbe da ridere, se non ci si rendesse conto che questi ci credono davvero”, afferma Roberto Grigoletto, esponente del Pd a Palazzo dei Trecento.