Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/262: LA PRIMA VOLTA DEL MASTERS IN ROSA

Sfida tra le migliori 72 dilettanti sul mitico Augusta National


AUGUSTA - Si tratta di un evento storico per il golf femminile: per la prima volta il Masters in rosa.A giocare all’Augusta National, il mitico percorso voluto da Bobby Jones, sono le migliori 72 dilettanti del mondo. Tra loro, quattro azzurre: Virginia Elena Carta, Caterina Don, Alessandra...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era stato a lungo presidente provinciale dell'Anpi

ADDIO AD UMBERTO LORENZONI, IL PARTIGIANO EROS

L'ex comandante della Resistenza si è spento a 92 anni


TREVISO - Addio al comandante Eros. Si è spento ieri sera a 92 anni, Umberto Lorenzoni, partigiano (Eros era appunto il suo nome di battaglia) e storico presidente dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani di Treviso. Nato a Nervesa della Battaglia, dopo l’8 settembre 1943 aveva preso parte attivamente alla Resistenza tra la Marca e in Bellunese, come commissario del battaglione Castelli, della brigata Piave a sua volta inserita nella divisione partigiana Nino Nanetti, operante sul Cansiglio. Tra l’altro aveva perso tre dita di una mano, a causa di un’esplosione mentre preparava un’attentato ad un treno tedesco che trasportava armi e munizioni per le truppe germaniche sul fronte italiano.
Era sempre rimasto fedele agli ideali di anti-fascismo di gioventù e non aveva risparmiato critiche contro quelli che riteneva attacchi ai valori alla base della Costituzione, non mancando di polemizzare, ad esempio, contro la Lega e il centrodestra.
Lascia le figlie Sandra e Antonella.