Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era stato a lungo presidente provinciale dell'Anpi

ADDIO AD UMBERTO LORENZONI, IL PARTIGIANO EROS

L'ex comandante della Resistenza si è spento a 92 anni


TREVISO - Addio al comandante Eros. Si è spento ieri sera a 92 anni, Umberto Lorenzoni, partigiano (Eros era appunto il suo nome di battaglia) e storico presidente dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani di Treviso. Nato a Nervesa della Battaglia, dopo l’8 settembre 1943 aveva preso parte attivamente alla Resistenza tra la Marca e in Bellunese, come commissario del battaglione Castelli, della brigata Piave a sua volta inserita nella divisione partigiana Nino Nanetti, operante sul Cansiglio. Tra l’altro aveva perso tre dita di una mano, a causa di un’esplosione mentre preparava un’attentato ad un treno tedesco che trasportava armi e munizioni per le truppe germaniche sul fronte italiano.
Era sempre rimasto fedele agli ideali di anti-fascismo di gioventù e non aveva risparmiato critiche contro quelli che riteneva attacchi ai valori alla base della Costituzione, non mancando di polemizzare, ad esempio, contro la Lega e il centrodestra.
Lascia le figlie Sandra e Antonella.