Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/318: SI TORNA A GIOCARE AL CHARLES SCHWAB CHALLENGE

Riparte il Pga Tour con un field da grandi occasioni


FORT WORTH (USA) - Era tempo, i professionisti mordevano il freno! Si gioca al Colonial National Invitation Tournament, che per sponsorizzazione dal 2019 si chiama Charles Schwab Challenge. È un torneo di golf del PGA Tour, che ogni anno, a maggio, ha luogo presso il Colonial Country, a Fort...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/317- CAMPI/27: IL GOLF CLUB ANTOGNOLLA

Nella verde Umbria alcune delle 18 buche più impegnative d'Italia


PERUGIA - Oggetto di piani molto ambiziosi, il Golf umbro Antognolla, con il suo resort, è destinato a diventare una perla del Golf in Italia. Avevo avuto il piacere di visitarlo molto tempo fa, era il 2011, e ancora ricordo la competizione cui ho partecipato in quell’ambiente, che nel...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era stato a lungo presidente provinciale dell'Anpi

ADDIO AD UMBERTO LORENZONI, IL PARTIGIANO EROS

L'ex comandante della Resistenza si è spento a 92 anni


TREVISO - Addio al comandante Eros. Si è spento ieri sera a 92 anni, Umberto Lorenzoni, partigiano (Eros era appunto il suo nome di battaglia) e storico presidente dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani di Treviso. Nato a Nervesa della Battaglia, dopo l’8 settembre 1943 aveva preso parte attivamente alla Resistenza tra la Marca e in Bellunese, come commissario del battaglione Castelli, della brigata Piave a sua volta inserita nella divisione partigiana Nino Nanetti, operante sul Cansiglio. Tra l’altro aveva perso tre dita di una mano, a causa di un’esplosione mentre preparava un’attentato ad un treno tedesco che trasportava armi e munizioni per le truppe germaniche sul fronte italiano.
Era sempre rimasto fedele agli ideali di anti-fascismo di gioventù e non aveva risparmiato critiche contro quelli che riteneva attacchi ai valori alla base della Costituzione, non mancando di polemizzare, ad esempio, contro la Lega e il centrodestra.
Lascia le figlie Sandra e Antonella.