Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era stato a lungo presidente provinciale dell'Anpi

ADDIO AD UMBERTO LORENZONI, IL PARTIGIANO EROS

L'ex comandante della Resistenza si è spento a 92 anni


TREVISO - Addio al comandante Eros. Si è spento ieri sera a 92 anni, Umberto Lorenzoni, partigiano (Eros era appunto il suo nome di battaglia) e storico presidente dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani di Treviso. Nato a Nervesa della Battaglia, dopo l’8 settembre 1943 aveva preso parte attivamente alla Resistenza tra la Marca e in Bellunese, come commissario del battaglione Castelli, della brigata Piave a sua volta inserita nella divisione partigiana Nino Nanetti, operante sul Cansiglio. Tra l’altro aveva perso tre dita di una mano, a causa di un’esplosione mentre preparava un’attentato ad un treno tedesco che trasportava armi e munizioni per le truppe germaniche sul fronte italiano.
Era sempre rimasto fedele agli ideali di anti-fascismo di gioventù e non aveva risparmiato critiche contro quelli che riteneva attacchi ai valori alla base della Costituzione, non mancando di polemizzare, ad esempio, contro la Lega e il centrodestra.
Lascia le figlie Sandra e Antonella.