Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'assise in programma giovedì e venerdì a Monastier

SOLO IL 13% DEI NEOSSUNTI IN VENETO HA UN POSTO STABILE

Lavoro al centro del congresso regionale della Cgil


MONASTIER - Su 110mila nuovi posti di lavoro creati in Veneto tra il 2014 e il 2017, solo uno su quattro (poco più di 29mila in totale) è a tempo indeterminato. E nei primi sei mesi del 2018 i nuovi contratti stabili rappresentano non più del 13% del saldo occupazionale complessivo, trasformazioni da altre forme contrattuali comprese.
Insomma, nelle industrie venete aumentano laureati e tecnici (più 9.730 dall’inizio della crisi), a fronte di un crollo di oltre 46mila operai e 1.470 dirigenti. Però la gran parte delle nuove assunzioni sono a termine o in forme precarie. Il tema della qualità del lavoro, naturalmente, sarà al centro del dibattito del congresso della Cgil veneta, in programma giovedì e venerdì a Monastier di Treviso.
Al congresso parteciperanno 365 delegati, in rappresentanza degli oltre 400mila iscritti (cresciuti del 13% tra gli attivi nell’ultimo anno). Sono stati eletti in un lungo percorso di 4.500 assemblee di base e un centinaio di congressi delle categorie territoriali e regionali e delle camere del lavoro provinciale.
In apertura dei lavori, verrà proiettato un filmato sul disastroso maltempo abbattutosi in Veneto nei giorni scorsi. Al di là della doverosa vicinanza alle popolazioni colpite, la scelta è motivata dalla volontà di lanciare un messaggio preciso, ricorda il segretario veneto Cristian Ferrari, sull''urgenza di un piano di investimenti per la sicurezza idrogeologica ed ambientale del territorio.
A concludere l’assise, venerdì, l’intervento del segretario nazionale della Cgil, Susanna Camusso.