Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La proprietà aggiungerà altri 15mila euro al fondo regionale

AL LAVORO GRATIS, PER AIUTARE IL BELLUNESE DEVASTATO DAL MALTEMPO

I dipendenti della Sogedin di Monastier doneranno alcune ore di stipendio


MONASTIER - Andranno al lavoro, ma doneranno la loro retribuzione a favore delle comunità bellunesi colpite dal maltempo.
I 516 dipendenti della Casa di Cura “Giovanni XXIII” e del Centro Servizi Villa delle Magnolie di Monastier e del Park Hotel Villa Fiorita hanno deciso di offrire l’equivalente di un periodo della loro attività professionale del mese di novembre, da una a cinque ore, al fondo di solidarietà “Veneto in Ginocchio per maltempo ott-nov. 2018” istituto dalla Regione del Veneto dopo la calamità abbattutasi in particolare sulle località di montagna.
“Siamo orgogliosi dei nostri collaboratori - spiega Gabriele Geretto amministratore delegato della Casa di Cura “Giovanni XXIII” di Monastier - Per chi è abituato a lavorare per il bene del prossimo diventa spontaneo offrire il proprio aiuto a chi si è trovato senza casa ed è ora in seria difficoltà”.
Alla somma racimolata tramite i lavoratori, la Sogedin, società proprietaria delle strutture socio-sanitarie e dell’hotel, aggiungerà un ulteriore stanziamento di 15 mila euro.
I dipendenti della Casa di Cura e del Centro Servizi di Monastier, peraltro, non sono nuovi ad iniziative di questo genere. Una raccolta di fondi simile era stata organizzata nel settembre del 2016, subito dopo il terremoto che aveva devastato l’Umbria, il Lazio ed in particolare Amatrice. In quell’occasione i dipendenti avevano donato ore di lavoro per un ammontare complessivo di 6.280 euro, i quali erano stati integrati con altri 6.157 euro ricavati dalle cene di beneficenza per i paesi terremotati e altri 11mila euro messi a disposizione dal consiglio di amministrazione di Sogedin. Il tutto per un totale di oltre 23 mila euro.