Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L' Ulss di Treviso ha reso noti i dati del 2017

VIOLENZA SULLE DONNE: IN 581 AL PRONTO SOCCORSO

Benazzi: “Devono sapere che non solo sole, ttivati percorsi dedicati”


TREVISO. Sono state 581 le donne vittime di violenza che nel 2017 si sono rivolte ai sei Pronto Soccorso dell’Ulss 2 e 65 quelle prese in carico dai Consultori dei tre Distretti di Treviso, Asolo e Pieve di Soligo.

“Abbiamo deciso di rendere noti questi dati alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne – spiega il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi – per ricordare come siano ancora tante, troppe, anche nel nostro territorio le donne che subiscono, quotidianamente, violenza. Purtroppo – ricorda Benazzi – si tratta di dati ampiamente sottostimati perché sono ancora molte le vittime che non hanno il coraggio di chiedere aiuto e staccarsi dai contesti “malati”. Da qualche anno - aggiunge - abbiamo attivato, per supportare al meglio le vittime di violenza di genere che si rivolgono a noi il Codice Rosa in Pronto Soccorso e un protocollo dedicato nei Consultori familiari. La finalità è, in entrambi i casi, garantire alla donna una presa in carico efficace, immediata e a 360°, con individuazione del percorso socio-assistenziale più adeguato. Codice Rosa e protocollo dedicato garantiscono una valutazione tempestiva, la presa in carico immediata della donna e degli eventuali figli e l’individuazione delle risposte più appropriate alla luce dei bisogni specifici”.

Oltre ad aver attivato, a livello aziendale, percorsi dedicati per le donne vittime di violenza, l’Ulss 2 partecipa al “Tavolo inter-istituzionale per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle donne” costituito presso la Prefettura di Treviso. L’Ulss collabora, inoltre, con i Comuni, con i Centri antiviolenza attivi sul territorio e con le Forze dell’Ordine.

L’Azienda socio sanitaria “Marca trevigiana” ha conosciuto direttamente il dramma della violenza domestica: una dipendente del Distretto Pieve di Soligo, fu vittima, nel 2013, di una brutale aggressione da parte del marito violento. Le ferite le hanno minato il fisico (non ha più potuto tornare al lavoro) ma l’hanno resa emotivamente più forte. “Ritrovare la serenità non è stato facile ma ci sono riuscita - confessa oggi -. A tutte le donne vittime di violenza dico di trovare il coraggio di denunciare. Non è facile, purtroppo, perché si teme il dopo, fa paura l’idea di tornare in una casa dove il proprio aguzzino è quasi sempre ancora presente. Sarebbe importante che chi vive queste situazioni potesse contare su una protezione adeguata, cosa che non sempre avviene”. “Abbiamo vissuto tutti il suo dramma - sottolinea Benazzi - e siamo accanto a lei e a tutte le donne che vivono situazioni difficili. Il messaggio che vorrei rivolgere a tutte loro è che da certe situazioni si può e si deve uscire: devono sapere che non sono sole. Siamo a disposizione per fornire tutto l’aiuto e il supporto necessario: chiunque si trovi in situazioni di difficoltà può fare riferimento ai nostri Consultori, ai servizi sociali dei Comuni, ai Centri antiviolenza. Troverà tutto l’aiuto necessario per dire basta a vessazioni e violenze”.

 

 

 

 

 

 

I DATI

 

Donne vittime di violenza di genere che si sono rivolte ai Pronto Soccorso - anno 2017.

 

Treviso

111

Oderzo

31

Conegliano

149

Vittorio Veneto

56

Castelfranco

105

Montebelluna

129

TOTALE

581

 

 

Donne vittime di violenza di genere che si sono rivolte ai Consultori Familiari – anno 2017.

 

 

 

n. donne

n. interventi

Distretto

Pieve di Soligo

12

34

Distretto

Asolo

24

87

Distretto

Treviso

29

157

TOTALE

65

278

 

*Presso il Consultorio familiare di Conegliano è attivo anche uno sportello d’ascolto “Cambiamento maschile” cui si sono rivolti, da inizio 2017, dieci uomini.