Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Blitz della polizia provinciale a San Zenone degli Ezzelini

TRAPPOLE PER PETTIROSSI E ALTRI UCCELLI PROTETTI: DENUNCIATO UN BRACCONIERE

Gli uccelli catturati con vischio e reti


SAN ZENONE DEGLI EZZELINI. Grosso colpo contro il bracconaggio da parte della Polizia Provinciale in comune di San Zenone degli Ezzelini.

L’operazione ha visto impegnati diversi Agenti della Provincia di Treviso i quali, nella tarda mattinata di ieri, sono entrati in azione in una rimessa recintata del luogo, trovando all'interno del cortile un impianto di cattura di piccoli uccelli protetti dalla Convenzione di Berna: pettirossi, prispoloni, lucherini, verzellini e peppole.

La cattura delle specie protette veniva attuata attraverso trappole con dentro del cibo e un uccello vivo che fungeva da richiamo e posizionate in diversi punti del cortile

Gli uccelli venivano catturati anche con panieri di vischio posizionati in punti strategici nei quali rimanevano incollati.

Il personale della Polizia Provinciale ha atteso la persona sorvegliata ed è scattata la perquisizione nei luoghi adiacenti nei quali sono state rinvenute diverse reti specifiche per la cattura di uccelli e tra queste, anche una rete per catturare quaglie.

Scoperto anche un congegno elettroacustico riproducente il canto degli uccelli per attirare gli stessi nelle reti e, sempre nei locali attigui, sono stati recuperati altri uccelli catturati di frodo che sono stati immediatamente liberati

Altri esemplari sono stati sequestrati e consegnati al Centro di Recupero della Fauna Selvatica della Provincia per la riabilitazione al volo perchè rinchiusi in piccole gabbiette.

Il soggetto responsabile delle azioni di bracconaggio è stato denunciato alla Procura della Repubblica.


Galleria fotograficaGalleria fotografica