Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Vittorio Veneto parte il progetto "coccole e bellezza"

UN'ESTETISTA PER LE DONNE IN CHEMIOTERAPIA

l progetto aiuterà a migliorare l’immagine corporea


VITTORIO VENETO. Ridurre alcuni degli effetti collaterali di chemio e radioterapia e aiutare le donne alle prese con terapie invasive a recuperare la propria immagine corporea. Questi gli obiettivi del nuovo progetto che vede approdare l’estetica oncologica nel reparto dell’ospedale di Vittorio Veneto diretto dal dottor Luigi Salvagno.

“Il progetto “Coccole e Bellezza”, proposto e ideato dall’associazione “Amiche per la pelle” di Manuela Tonon – spiega il direttore generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi – va ad aggiungersi ad altre due importanti iniziative di umanizzazione realizzate nell’ultimo periodo nel nosocomio di Costa. La prima ha visto l’installazione, poche settimane fa, dei caschetti refrigeranti per prevenire la caduta dei capelli nelle donne in trattamento chemioterapico. L’altra iniziativa, messa a punto con l’Istituto d’Arte vedrà invece, a breve, le pareti del Reparto abbellite dalle opere degli studenti del Munari. La malattia oncologica rappresenta per il paziente che la vive (e per le persone che gli sono accanto) un’esperienza globale, capace di incidere su tutte le dimensioni importanti della sua vita. Tra i tanti aspetti coinvolti dall’esperienza di malattia è il corpo a ricoprire un ruolo da protagonista. Nel corso della malattia oncologica l’immagine corporea risulta particolarmente coinvolta, soprattutto in forza dei profondi cambiamenti che il corpo ammalato subisce. Le ricerche sulla relazione tra immagine corporea e cancro hanno messo in evidenza come compromissioni della prima si ripercuotano negativamente sulla qualità della vita, sull’adattamento psicosociale e sull’autostima dei pazienti. Alla luce di queste considerazioni riteniamo necessario pianificare all’interno delle nostre oncologie dei percorsi che, accanto alle terapie, prevedano “trattamenti” di supporto, con l’obiettivo di aiutare i pazienti ad affrontare la malattia, alleviando per quanto possibile i disagi e migliorando la qualità della loro vita. Obiettivo di questo progetto sono il benessere psicologico, l’adesione e la risposta al percorso di cura attraverso un approccio integrato al paziente”.

“Perdita di capelli, di ciglia e sopracciglia, ma anche pallore, occhiaie, problemi dermatologici: sono numerosi gli effetti delle terapie visibili sul viso e sul corpo di chi sta affrontando un tumore– ricorda Salvagno –. Abbiamo testatol’iniziativa, occasionalmente, quest’anno: nel 2019 sarà realizzata in modo strutturato. Il progetto prevede la creazione di piccoli gruppi di donne in chemioterapia o terapia ormonale: i gruppi saranno coinvolti in un percorso nel cui ambito un’équipe costituita da oncologo, psiconcologo estetista e visagista affronterà, in prima istanza, il tema dell’immagine corporea e delle modifiche dovute alla malattia. Seguiranno altri due incontri nel corso dei quali estetiste e visagiste insegneranno alle pazienti l’utilizzo del trucco per ridurre gli effetti delle terapie. Sono previsti, inoltre, massaggi e tecniche di rilassamento”.




Galleria fotograficaGalleria fotografica