Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I poliziotti trovano 8 etti di droga in casa di uno studente trevigiano

A19 ANNI ARRESTATO PER LA QUARTA VOLTA PER SPACCIO

Nonostante fosse ai domiciliari, continuava l'attività illegale


TREVISO - Nonostante fosse stato già arrestato altre tre volte per lo stesso reato in meno di due anni e si trovasse ai domiciliari, un 19enne trevigiano ha continuato imperterrito a spacciare droga. Ora per lui sono scattate nuovamente le manette e si sono aperte le porte del carcere di Santa Bona.
Nella soffitta dell’abitazione in cui il giovane, studente al Duca degli Abbruzzi, vive con i genitori gli agenti della Squadra mobile della Questura di Treviso hanno trovato circa sette etti hashish, un etto di marijuana e un grammo di cocaina. Nel corso della perquisizione, effettuata anche con la collaborazione del cane antidroga della Polizia locale e del suo conduttore, sono stati rinvenuti anche un bilancino, materiale vario per confezionare le dosi e 4.400 euro in contanti. Il 19enne avrebbe anche cercato di fuggire, provando a liberarsi dei contenitori con lo stupefacente.
Non più tardi dello scorso 30 giugno era stato fermato per un normale controllo lungo la Treviso – Mare, mentre con un amico tornava da Jesolo: nell’auto i due nascondevano sette chili e mezzo di marijuana. Per questo era finito agli arresti domiciliari. Provvedimento, tuttavia, che non l’ha indotto a desistere dalla sua attività illegale.