Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/262: LA PRIMA VOLTA DEL MASTERS IN ROSA

Sfida tra le migliori 72 dilettanti sul mitico Augusta National


AUGUSTA - Si tratta di un evento storico per il golf femminile: per la prima volta il Masters in rosa.A giocare all’Augusta National, il mitico percorso voluto da Bobby Jones, sono le migliori 72 dilettanti del mondo. Tra loro, quattro azzurre: Virginia Elena Carta, Caterina Don, Alessandra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/261: IL RITORNO DELLA TIGRE

Tiger Woods trionfa nel Mastersdi Augusta


AUGUSTA - Questo è il primo Major stagionale, il più ambito. Ha luogo nella consueta cornice dell’Augusta National, in Georgia, quel percorso tanto voluto dal mitico campione Bobby Jones. In Campo è presentela crema dei professionisti,i migliori giocatori del mondo, e tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/260: WGC, L'ÉLITE MONDIALE SI SFIDA IN MATCH PLAY

Vittoria a Kisner, ottimo terzo Francesco Molinari


AUSTIN (TEXAS) - È il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, le cui gare sono di livello inferiore solo ai major. Il WGC -Dell Technologies Match Play che si gioca in Texas sul percorso dell’Austin CC, è di spessore assoluto: nel field sono stati...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, denunciato 60enne: "Continuavano ad offendermi"

RAGAZZINI LO INSULTANO, LUI SPARA BIGLIE D'ACCIAIO

Tira con la fionda dal balcone a due adolescenti


TREVISO - Quei ragazzini lo infastidivano e lo offendevano. Così ha pensato di vendicarsi bersagliandoli con biglie d’acciaio tirate con una fionda.
Un sessantenne trevigiano è stato denunciato per lesioni aggravate a danno di minori.
Tutto è partito da una chiamata giunta alla sala operativa della Questura di Treviso, venerdì sera: un quindicenne sosteneva di essere stato centrato da un pallino di metallo lanciato dal balcone di un condominio.
Arrivati sul posto, nei pressi della stazione ferroviaria di Treviso, e individuato l’appartamento incriminato, gli agenti delle Volanti hanno chiesto spiegazioni al proprietario. L’uomo prima ha detto di aver avuto solo una discussione con l’adolescente e un altro coetaneo, ma alla fine ha ammesso di aver colpiti con la sua fionda, consegnando volontariamente l’arma ai poliziotti.
Il sessantenne si è giustificato affermando di essere stato più volte insultato dai giovanissimi e, a fronte delle ennesime offese, di aver perso la testa. Accompagnato in Questura per gli accertamenti di rito – è risultato privo di precedenti – ha riconosciuto la pericolosità del suo gesto, che avrebbe potuto avere conseguenze molto più gravi. Ammissione, peraltro, che non gli ha evitato la denuncia.