Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Port Elizabeth il Benetton vince col bonus

I LEONI TORNANO A RUGGIRE: VITTORIA 22-19 CON I KINGS

Tre mete di Faiva e una di Ioane ma finale da brividi


PORT ELIZABETH  Al Nelson Mandela University Stadium la gara comincia con i Leoni subito in avanti alla ricerca di punti importanti. Al 6’ punizione in favore dei biancoverdi che vanno subito in touche sui 5m avversari con il calcio di McKinley. Ovale portato a terra e maul costruita, il pack avanza e giunge in meta con Faiva. Dalla piazzola McKinley non è preciso.
La reazione dei padroni di casa è immediata, palla fuori dal drive e Kruger trova il varco per andare in meta; Banda non sbaglia la trasformazione portando i suoi in vantaggio. In campo le squadre si danno battaglia cercando di imporre il proprio gioco.
Al 19’ buon attacco dei Leoni che con una serie di pick and go arrivano dentro i 22 avversari, purtroppo viene commesso in avanti proprio sotto i pali dei Kings. Al secondo attacco gli uomini di Crowley questa volta ci provano con il grubber di McKinley ma Tavuyara non riesce a controllare l’ovale. Qualche minuto più avanti punizione in mischia concessa in favore dei biancoverdi con McKinley che va in touche sui 5m dei Kings. La maul dei Leoni ancora una volta si dimostra vincente: arriva così la seconda meta messa a segno ancora da Faiva. Il calcio di McKinley finisce in mezzo ai pali. I minuti passano ed i Leoni cercano con insistenza la via della meta, da una touche giocata ancora dentro i 5m sudafricani i biancoverdi si avvicinano in zona pericolosa. Per la terza volta la maul è letale, Faiva sigla così la sua tripletta personale. Il forte vento condiziona il calcio di McKinley che termina fuori. La ripresa vede gli uomini di Crowley entrare in campo con la giusta grinta e desiderosi di chiudere il match. Al 46’ i biancoverdi sono già in rimessa laterale dentro i 22m dei Kings, questa volta però non riesce il drive e i padroni di casa recuperano il possesso.
Al 50’ grubber di Iannone, lo scatto di Ioane è qualcosa di incredibile e lo è ancor di più l’abile maniera di recuperare una palla che sembrava destinata a terminare fuori. Arriva così la meta dell’ala australiana che vuol dire anche punto di bonus offensivo. Non va la trasformazione di McKinley. I Kings non si arrendono, al 60’ si affacciano dentro i 22m biancoverdi andando in touche. Provano ad avanzare impostando una maul ma i Leoni difendono bene e reggono alle loro avanzate. Al 65’ la situazione si ripete ma ancora una volta una pazzesca difesa di capitan Barbini e compagni non concede nulla ai sudafricani.
Al 75’ i Kings continuano a lottare e trovano la meta con Pupuma dopo un check con il TMO, Banda non sbaglia. Nei minuti finali i Leoni tornano in attacco, Banda ferma irregolarmente l’azione di gioco ricevendo così il cartellino giallo. Nella ripartenza i padroni di casa conquistano il possesso trovano in maniera rocambolesca la meta con Kruger, Beyers sbaglia la trasformazione.
I Leoni tornano alla vittoria, 22 a 19, e lo fanno conquistando anche il punto di bonus offensivo.

SOUTHERN KINGS-BENETTON 19-22
SOUTHERN KINGS 15 Michael Botha (55’ Ulrich Beyers), 14 Yaw Penxe, 13 Meli Rokoua (57’ Harlon Klaasen), 12 Tertius Kruger (46’ Harlon Klaasen) (54’ Tertius Kruger), 11 Bjorn Basson, 10 Masixole Banda, 9 Stefan Ungerer, 8 Ruaan Lerm, 7 Martinus Burger, 6 Cyril-John Velleman, 5 John-Charles Astle (C), 4 Stephan Greeff, 3 Pieter Scholtz, 2 Kerron Van Vuuren (67’ Tango Balekile), 1 Nicolaas Oosthuizen (67’ Alulutho Tshakweni) A disp.: 18 Luvuyo Pupuma, 19 Schalk Oelofse, 20 Andries Van Schalkwyk, 21 Godlen Masimla. All. Davids
BENETTON 15 Angelo Esposito, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Tommaso Iannone, 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Marco Barbini (C), 7 Michele Lamaro, 6 Giovanni Pettinelli (50’ Alberto Sgarbi), 5 Federico Ruzza (40’ Niccolò Cannone), 4 Irné Herbst (67’ Marco Lazzaroni), 3 Marco Riccioni (77’ Giuseppe Di Stefano), 2 Hame Faiva (65’ Engjel Makelara), 1 Nicola Quaglio (54’ Alberto De Marchi,) A disp.: 21 Giorgio Bronzini, 22 Antonio Rizzi. All. Crowley
ARBITRO: Gallagher (Irlanda)
MARCATORI: 6’ meta Faiva, 10’ meta Kruger tr. Banda, 26’ meta Faiva tr. McKinley, 38’ meta Faiva, 50’ meta Ioane, 75’ meta Pupuma tr. Banda, 80’ meta Kruger
NOTE: 80’ giallo a Banda Primo tempo 7-17