Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualità
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, È 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Presentato un modello di involucro edilizio per il risparmio energetico

L'ECO-CONDOMINIO DEGLI STUDENTI DI PIEVE DI SOLIGO PREMIATO DALLA CAMERA DI COMMERCIO

Classe del Casagrande vince il concorso "Impresa 2030. il futuro è adesso"


PIEVE DI SOLIGO - Si è svolta lunedì 26 Novembre in Camera di Commercio Treviso - Belluno la cerimonia di premiazione della terza edizione del Concorso di idee “Impresa 2030: il futuro è adesso” che ha visto come primi vincitori gli studenti della classe 5A Cat dell’istituto “Marco Casagrande” di Pieve di Soligo nella categoria “sostenibilità ambientale”.
I ragazzi seguiti dal professore Paolo Bortolin sono stati coinvolti sul tema del risparmio energetico nell'ambito edilizio, in particolare nel protocollo NZEB, edifici ad "Energia Quasi Zero". Il progetto si è concretizzato nella realizzazione di un modello in scala reale rappresentante una porzione di involucro edilizio da terra a cielo, comprensiva di tutte le stratigrafie. Il tutto è stato realizzato in chiave bioedile, utilizzando materiali naturali, sostenibili e riciclabili, sensibilizzando i ragazzi sull'importanza dell'edificio come "terza pelle". A compimento del percorso i ragazzi si sono cimentati nella realizzazione di un pannello fotovoltaico di circa 45 watt di potenza.
Grande soddisfazione da parte degli studenti che oltre aver riconosciuto il loro impegno, hanno permesso alla scuola di ricevere un premio economico del valore di 2.500 euro.