Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ne beneficeranno circa 5.500 utenti all'anno

INVALIDITÀ, TEMPI RIDOTTI AD UN TERZO CON L'ACCORDO INPS- ULSS

Commissioni congiunte e programmi informatici integrati


TREVISO - Finora, tra domanda, visite e definitiva presa in carico, trascorrevano in media sei mesi. Ed era già un tempo record: nel resto d’Italia ci vuole anche più del doppio. Da oggi, però, a Treviso, chi richiede la certificazione di invalidità per accedere ai relativi sostegni, potrà completare l’iter in un paio di mesi.
L’ulteriore sprint è l’effetto di un accordo pilota stretto tra Inps provinciale e Ulss 2 Marca trevigiana: i due enti daranno vita a commissioni congiunte per la valutazione dei casi, consentendo così ai richiedenti di recarsi in un solo luogo (in questo caso l’istituto previdenziale) e integreranno le proprie procedure informatiche in materia, per velocizzare la gestione delle pratiche.
L’obiettivo, come ha ribadito il direttore dell’Inps trevigiano, Marco De Sabbata è di semplificare la vita ai cittadini con invalidità, ma anche alle loro famiglie.
La fase sperimentale è già stata avviata a fine novembre: a regime il progetto riguarderà circa 5.500 utenti sui 15mila valutati ogni anno in provincia. In particolare, chi chiede insieme al riconoscimento dell’invalidità chiede pure l’inserimento lavorativo, i minori di 18 anni e anche i pazienti oncologici (circa 2.500). Con benefici diffusi, come ha spiegato Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2
“Con 42mila invalidi civili, pari al 4,76% della popolazione, Treviso ha la più bassa incidenza d’Italia. Significa anche che qui non ci sono di fatto falsi invalidi”, ha ricordato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che ha presenziato alla firma ufficiale del protocollo, insieme al sindaco di Treviso Mario Conte. Il Comune riserverà dei parcheggi nei pressi della sede Inps per gli utenti impegnati in queste pratiche.