Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/244: AUSTRALIA E SUD AFRICA OPEN, DEBACLE AZZURRA

Italiani sottotono negli ultimi due tornei prima delle festività


TREVISO - Due tornei di rilievo dell’European Tour, prima di una breve pausa.  Ad Albany, New Providence, organizzato in combinata tra European Tour e PGA of Australia, si è giocato l’Isps Anda. sul percorso del Royal Pines (par 72) a Benowa, nel Queensland. Montepremi un milione e mezzo di dollari australiani (circa 950.000 euro). Portacolori per l’Italia, Renato Paratore.
Com’era prevedibile, prendono il dominio gli australiani, essendo di maggioranza in prima posizione. Con un (-6), raggiungono la posizione di leader Jake McLeod e Matt Jager, quest’ultimo realizza addirittura due eagle. Paratore ha una partenza in sordina, 81° posto con 73 (+1).
Nel secondo round continua la supremazia degli australiani, che dettano i ritmi occupando i primi sei posti della classifica. A prendere il comando, con un parziale di 65 (-7), miglior score del turno, è il campione in carica Cameron Smith, 25enne di Brisbane, che precede cinque connazionali. Migliora Renato Paratore: con un ottimo recupero, sale dall’81° al 41° posto.
Nella terza giornata, Cameron Smith allunga ancora il passo: con cinque birdie senza bogey, porta a tre i colpi di vantaggio sul connazionale Marc Leishman; potrebbe vincere il torneo, per il secondo anno di fila. Renato Paratore fa ancora un giro un po’ complicato, concede un colpo al campo con quattro birdie e cinque bogey, rimane sostanzialmente stabile, è 47°, in par. Unico giocatore non di casa a portarsi un po’ avanti, è lo statunitense Harold Varner III, conquista il terzo posto, ma difficilmente riuscirà a inserirsi nella corsa al titolo.
Alla fine, Cameron Smith, con (-16) si concede il bis, favorito dagli errori di Marc Leishman. Conclude con un 70 (-2), quattro birdie e due bogey, risultato che non sarebbe stato sufficiente per concedergli la vittoria, senza gli errori del connazionale. Dopo averlo sorpassato con cinque birdie, Marc Leishman gli ha concesso strada per due bogey nel finale. Renato Paratore, con un bel giro in 69 (-3), ha recuperato 28 posizioni classificandosi 19°. Partito bene con due birdie, ha un po’ rallentato per un bogey, ma ha poi messo a segno altri due birdie, per lo score parziale più basso tra i quattro della sua prestazione. Soddisfatto! A Cameron Smith, che è al secondo successo nel circuito continentale, è andato un assegno di 160.668 euro su un montepremi di 950.000.
Questo torneo, come sopra detto, era uno degli ultimi di un certo spessore giocati quest’anno, e qualche sorpresa, all’Italia dell’European Tour, la riserva anche il South African Open. Si gioca al Randpark Golf Club di Johannesburg, con in campo Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Lorenzo Gagli, Guido Migliozzi e Filippo Bergamaschi. I cinque azzurri si trovano difronte ai tre Campioni australiani Els, Schwartzel e Oosthuizen, atleti molto determinati, che ci tengono in modo particolare al titolo dell’Open di casa. Ad alzare il tono del field, ci sono gli inglesi Matt Wallace e Chris Paisley campione in carica, gli spagnoli Pablo Larrazabal e Gonzalo Fernandez Castaño, lo statunitense Kurt Kitayama vincitore la scorsa settimana del Mauritius Open. Il quintetto italiano, reduce dal non aver retto il Mauritius perché tutti cinque soccombenti al taglio, deve ora assolutamente cancellare l’onta subita.
Con un montepremi è di 17.500.000 rand (circa 1.120.000 euro), la gara si svolge sui due percorsi, del Randpark GC: il Firethorn, e il Bushwillow, entrambi par 71, a cui partecipano 240 concorrenti.
All’avvio è uno dei favoriti, il sudafricano Louis Oosthuizen, a condurre. Con 62 (-9), precede di misura lo statunitense Kurt Kitayama e Madalitso Muthiya dello Zambia, realizza nove birdie senza bogey. Sullo stesso tracciato Guido Migliozzi scende di due colpi sotto par, ed è suo il migliore score tra i cinque italiani in gara. Gli altri azzurri sono oltre metà classifica.
Seconda giornata - Purtroppo, dannazione, anche stavolta gli azzurri, tutti cinque, non ce la fanno. Escono con il taglio, caduto a 140 (-2). Devono fare le valigie, e qui non rimane più storia per l’Italia. Protagonisti sono i sudafricani, con cinque giocatori tra i primi nove in classifica. Nuovo leader è Charl Schwartzel, 34enne di Johannesburg, con undici titoli sul circuito continentale comprensivi di un major; realizza un 63 (-8) per un eagle e sei birdie, migliore score del turno.
Il terzo giro vede il sudafricano Louis Oosthuizen tornare in vetta. Già leader dopo il primo round, con il parziale di 67 sorpassa Charl Schwartzel. Il grande Campione Ernie Els, Branden Grace, e il Campione in carica Chris Paisley, si possono considerare ormai fuori gioco.
Il giro finale era scontato, il sudafricano Lodewicus Theodorus " Louis " Oosthuizen (266 - 62 70 67 67, -18) ha letteralmente dominato nel South African Open. Ha vinto con sei colpi di vantaggio sul francese Romain Langasque. Al proscenio poi, i giocatori di casa: altri otto nelle prime 14 posizioni. È amaro il ritorno a casa deli azzurri, e lo è anche per noi. Louis Oosthuizen incassa un assegno di 174.417 euro su un montepremi di 1.120.000, ma soprattutto è felice, che non andava a segno dal 2016.
Paolo Pilla