Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/265: KOEPKA FA SUO IL SECONDO MAJOR DI STAGIONE

Disputato per la prima volta a maggio, il Championship regala spettacolo


FARMINGDALE (USA) - Il secondo major, il Championship, giunto alla 101ª edizione, ha luogo per la prima volta a Farmingdale, nel Long Island, stato di New York, sul difficile percorso del Bethpage Black Course (par 70), che sarà sede della Ryder Cup 2024. È la prima volta che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La sede della storica gelateria di Cornuda ospita una nuova azienda

DAI GELATI AGLI ASCENSORI, BROTTO RINASCE GRAZIE A TRIVENETO

Il sindaco: "Grazie per aver scelto il nostro comune"


L'ing. Samuele Friso con il sindaco di Cornuda CORNUDA. Per anni è stato uno dei locali più apprezzati e frequentati dai trevigiani. La gelateria-ristorante Brotto di Cornuda era una meta obbligatoria per chi saliva verso il Cadore e voleva assaggiare un gelato. Tante le generazioni che lì hanno festeggiato il loro matrimonio o le cresime e comunioni dei figli. Poi la lenta decandenza fino alla chiusura. Ora quei storici locali rivivono grazie a Triveneto, azienda leader nel campo della sicurezza e dei controlli ispettivi e certificativi in ambito acensoristico, elettrico e attrezzature di lavoro. L'azienda, legata a Cornuda da tempo in quanto sponsor della locale squadra di pallavolo, ha deciso di trasferirsi dall'ex sede di Covolo, ristrutturando lo storico stabile. I lavori hanno interessato sia i locali della torre che quelli dell'ex ristorante. "Tutto l'edificio ha mantenuto l'identità storica - fa sapere l'ingegnere Samuele Friso, ammistratore unico di Triveneto s.r.l.  - I tocchi moderni hanno interessato gli impianti tecnologici, serramenti e pavimenti, porte e vetrate".
E' stata sistemata anche la parte esterna dell'ingresso, con fondo in porfido che si sposa perfettamente con il materiale moderno scuro in prossimità dell'entrata.
Il fiore all'occhiello? L'imponente scala che unisce i due piani alla torre, un unico pezzo in calcestruzzo, una vera e propria opera d'arte.
Sabato scorso all'inaugurazione c'erano tutti i sessanta collaboratori di Triveneto, il parroco don Francesco Marconato ed il sindaco Claudio Sartor che nel suo discorso ha ringraziato i vertici aziendali per aver scelto Cornuda come sede dell'impresa e ha auspicato che anche altri imprenditori possano seguire l'esempio di Triveneto.