Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/336: SCOTTISH CHAMPIONSHIP NEL SEGNO DI ADRIAN OTAEGUI

Il basco travolge gli avversari con un gran giro finale


FIFE (SCOZIA) - Questo evento di Scozia è a ridosso del 77° Open d’Italia, in programma dal 22 al 25 ottobre, al Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (BS). Molti dei giocatori che sono in gara qui, parteciperanno poi all’ Open d’Italia. Nel field troviamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/335: FRANCESCO MOLINARI TORNA IN CAMPO IN NEVADA

Il torinese, però, esce al taglio, vince Martin Laird


LAS VEGAS (USA) - Dopo una pausa di sette mesi, Francesco Molinari torna in campo. Lo fa con lo Shriners Hospitals for Children Open, sul tracciato del TPC Summerlin, a Las Vegas in Nevada. Si era fermato il 12 marzo, quando il The Players Championship era stato bloccato per l’emergenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/334: AL GOLF CLUB LIGNANO IL CAMPIONATO AIGG

L'appuntamento clou della stagione dei giornalisti golfisti


LIGNANO - Il Campionato individuale è notoriamente l’appuntamento più importante della stagione per i membri dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti (AIGG). Nel 2020, condizionato dal Covid 19, sono saltati molti incontri, rivestiva quindi particolare spessore...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Colpiti non i paperoni, ma chi prende 1.200 euro al mese"

STOP ALLA RIVALUTAZIONE PER 67MILA PENSIONATI DELLA MARCA

Sindacati in piazza venerdì mattina a Treviso


TREVISO - Un vero e proprio furto sulle pensioni medio-basse che interessa più di 7 milioni di pensionati italiani, e oltre 67mila nella sola Marca Trevigiana, sostanzialmente gli stessi che hanno subito il blocco della Monti-Fornero. Questo il giudizio perentorio di Spi, Fnp Cisl e Uilp Uil provinciali, che contro la manovra finanziaria del Governo giallo-verde sono già pronti a mobilitarsi. L’appuntamento è fissato per venerdì 28 dicembre, alle 10.30, davanti alla Prefettura in Piazza dei Signori a Treviso, così come in tutte le altre città d’Italia.
Qui, le sigle dei pensionati trevigiani invitano tutti i cittadini a un’assemblea aperta “perché è giusto che le persone siano informate su ciò che realmente sta facendo il Governo, al di là degli slogan e delle tanto sbandierate misure che non si sa nemmeno se entreranno in vigore - tuona Paolino Barbiero, segretario generale dello Spi Cgil Treviso -. Dopo 8 riforme, 10 interventi sul sistema pensionistico, dopo la Fornero e il bonus Poletti, finalmente dal 1° gennaio 2019 si doveva tornare a un meccanismo di rivalutazione in grado di tutelare almeno un po’ il potere d'acquisto dei pensionati, così come si era impegnato a fare il precedente Governo. Se, invece, il trio Conte-Salvini-Di Maio e il Parlamento daranno seguito all’emendamento sulla legge di bilancio, riducendo per tre anni (dal 2019 al 2021) la rivalutazione degli assegni superiori a 1.540 euro mensili lordi, verrà perpetrato l’ennesimo furto ai danni dei pensionati”.
“Una mossa ingiusta e inaccettabile - rincara Barbiero -, stiamo parlando di persone che hanno versato 40 anni e più di contributi, che hanno lavorato una vita intera e che con la loro contribuzione hanno coperto anche le spese per i trattamenti sociali e quelli sotto il minimo. Non di certo i paperoni, bensì pensionati che portano a casa circa 1.200 o al massimo 2.000 euro netti, anche perché soggetti a una delle tassazioni più alte d’Europa e che così, all’anno si vedranno sottrarre dai 60 ai 120 euro; perdita che si traduce per il resto della vita del pensionato”.
“Oltre al taglio sulla perequazione - aggiunge Barbiero - che l’Inps dovrà peraltro ratificare, la finanziaria non prevede altro, nessuna misura per i giovani e nemmeno l’ampliamento di quelle fondamentali come l’APe Sociale e l’anticipo pensionistico per i lavoratori precoci o con mansioni usuranti”. Un giudizio fortemente negativo, dunque, quello delle organizzazioni sindacali di categoria sull’intera manovra.