Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Inizio stentato poi solo dominio De Longhi

TVB OTTO BELLEZZE, TRAVOLTA ANCHE RAVENNA 85-62

Eccezionale la prestazione di Tessitori ma grande anche Wayns


TREVISO - Ottava di fila per la De Longhi che dopo un inizio difficoltoso ha messo il turbo travolgendo Ravenna. Coach Menetti temeva soprattutto l’approccio mentale alla gara e, infatti, l’inizio del match ha confermato le sue preoccupazioni dichiarate ieri in conferenza stampa. Hairston apre il parziale di 8-0 per Ravenna completato da Laganà, che vale ovviamente il primo time out per i padroni di casa. La De’ Longhi continua a faticare non poco, ma finalmente si sblocca con due canestri consecutivi dei due USA Wayns e Burnett. Menetti manda in campo due portatori di palla, Imbrò e Uglietti, ed è proprio il siciliano a dare la carica e a servire l’assist per Tessitori che accorcia le distanze. Per Ravenna è Hairston il più pericoloso, ma i canestri di Uglietti e Chillo permettono a TVB di andare al primo riposo sul risultato di 10-16. Al rientro sul parquet la De’ Longhi parte più aggressiva: Imbrò si butta per contendere una palla in difesa e Maalik Wayns infila la tripla che vale il -3 dopo 1’19” dalla ripresa.
Purtroppo, sono diversi i contropiedi non sfruttati al meglio, con errori da sotto il tabellone, e Masciadri punisce la difesa trevigiana.
TVB, però, pian piano si riavvicina grazie a un’entrata di Tessitori e ad una bomba di un positivo Wayns (22-23 a 14’34”), anche se continuano a essere tanti gli errori al tiro, soprattutto da oltre l’arco (2/12 fino a questo momento).
Il primo sorpasso arriva grazie a una correzione a canestro di Tessitori, ma sono un altro tiro da tre di Wayns e la successiva schiacciata di Tex a infiammare il pubblico del Palaverde (29-25 a 17’05”).
La De’ Longhi sembra finalmente aver preso la mira, e anche Erik Lombardi si sblocca dalla lunga distanza.  La grandissima giocata di Wayns, che serve una palla stupenda ad Alviti (canestro + fallo), è la degna fotografia della rimonta biancazzurra nel secondo quarto, anche se una brutta palla persa che manda a canestro Hairston fa arrabbiare coach Menetti che chiama minuto per mettere le cose in chiaro.
All’intervallo le due squadre rientrano nello spogliatoio sul 37-31. Il primo canestro del terzo quarto lo segna Tessitori con una bella entrata, Laganà non ci sta e infila la sua prima tripla del match (39-34).
La De’ Longhi difende bene sotto alle plance e, appena può, cerca sempre la via del contropiede veloce, come dimostrano il canestro da tre punti dall’angolo di Erik Lombardi e il canestro dalla lunga distanza di Burnett.
Tessitori è una garanzia a rimbalzo (7 totali al 24’ minuto), ma dimostra anche di avere una mano morbida: il suo canestro del +12 costringe coach Mazzon a chiamare time-out.
Per gli ospiti è il solito Hairston a fare pentole e coperchi sotto alle plance: prima concretizza un gioco da tre, poi piazza un bel canestro dalla media distanza.
L’OraSì cerca di rallentare il ritmo e di ragionare palla in mano, mentre a Tessitori vengono fischiati un paio di falli dubbi che fanno innervosire i 4255 del Palaverde e lo costringono ad accomodarsi in panchina.
Wayns, miglior realizzatore finora per Treviso, si mette in proprio: prima segna un gran canestro in step-back, poi serve una splendida palla a Chillo che deve solo appoggiare al tabellone il canestro del 53-41 quando manca circa un minuto e mezzo alla fine del quarto.
Si iscrive a referto anche Imbrò con una tripla delle sue, Uglietti però commette fallo su un tiro da tre di Montano che segna tutti i liberi a sua disposizione e chiude il periodo sul 58-48. Montano inaugura l’ultimo quarto così come aveva chiuso il precedente: tre punti per lui. Poi, però, commette due falli in successione su capitan Antonutti che fa canestro ma sbaglia il libero addizionale e su Matteo Imbrò che invece concretizza il gioco da tre.
Tessitori è indemoniato, lotta sotto alle plance e realizza il suo sedicesimo punto personale, poi cattura un rimbalzo in difesa e lancia in contropiede Imbrò che infila la sua seconda tripla della serata (68-51 a 32’24” e time-out per Ravenna).
La bomba di Davide Alviti sancisce il +20 TVB, mentre Ravenna cerca di accorciare le distanze con un canestro da tre punti di Montano.
Wayns è in serata e segna da casa sua, Tessitori si esalta stoppando Cardillo e, dopo una bella giocata di Burnett, Mazzon chiama l’ultimo time-out a sua disposizione.
L’inerzia del match è, ormai da diversi minuti, tutta dalla parte di TVB, ma Ravenna non demorde e reagisce con due triple consecutive di Montano e Laganà.
Esce un protagonista (Wayns) e se ne accende un altro: Burnett decide di voler lasciare la sua firma sul match e fa quel che vuole tra falli subiti, liberi segnati e azioni personali degne di nota.

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – ORASÌ RAVENNA 85-62
DE’ LONGHI: Tessitori 18 (), Burnett 15 (), Sarto (0/1 da 2), Alviti 7 (1/2, 1/4), Wayns 18 (2/4, 479), Antonutti 4 (2/4, 0/2), Imbrò 9 (1/1, 2/3), Saladini, Chillo 4 (1/3 da 2), Uglietti 2 (1/3 da 2), Lombardi 8 (1/3, 2/3). All.: Menetti.
RAVENNA: Hairston 13 (5/8 da 2), Smith 4 (2/8, 0/4), Montano 14 (0/2, 3/5), Jurkatamm (0/2 da 3), Cardillo 4 (2/5 da 2), Masciadri 4 (2/3, 0/3), Rubbini, Seck, Gandini 2 (1/4 da 2), Laganà 21 (3/3, 2/6). N.e.: Tartamella, Seck. All.: Mazzon
ARBITRI: Caforio, Catani, Tarascio.
NOTE: pq 10-16, sq 37-31, tq 58-48. Tiri liberi: TV 12/16, RA 17/19. Rimbalzi: TV 11+27 (Tessitori 3+5), RA 7+17 (Hairston 4, Cardillo 4, Masciadri 4). Assist: TV 11 (Wayns 3), RA 11 (Laganà 3). Spettatori: 4255