Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Gli industriali cercano giovani per "documentare" la rigenerazione di quattro siti industriali

RACCONTARE IL TERRITORIO: PARTE IL PRIMO CORSO DEL 2019

Social media e storytelling multimediale per raccontare i processi di rigenerazione, attraverso l’arte, di vecchi spazi industriali come il Lanificio Paoletti a Follina e la Tessitura Colombina a Badoere.


TREVISO. Un percorso di cinque mesi per acquisire le competenze sulla nuova comunicazione digitale e raccontare attraverso i social media e lo storytelling multimediale il cambiamento e la rigenerazione di quattro siti industriali, luoghi in parte dismessi o abbandonati della provincia di Treviso e del Bellunese. Si terranno l'8 gennaio presso la sede di Unis&f a Treviso le selezioni per gli ultimi 6 posti disponibili. Si cercano, in particolare giovani tra i 18 ed i 35 anni, disoccupati o inoccupati residenti in Veneto. Il percorso formativo, che ha una durata di 220 ore, affronterà il tema delle nuove forme di comunicazione per l’innovazione sociale, trasferendo le competenze utili a documentare, valorizzare, raccontare, restituire e promuovere i processi di rigenerazione, attivati da artisti e creativi internazionali, di alcuni luoghi del territorio veneto come il Lanificio Paoletti di Follina, un capannone alle porte di Treviso gestito dall’Associazione Giano, la Tessitura Colombina di Badoere e l'ex cartiera nel comune bellunese di Quero Vas. Argomenti principali saranno lo storytelling multimediale e la comunicazione attraverso i social media, verrà creato poi un gruppo di lavoro per la realizzazione pratica di un progetto di storytelling multimediale attraverso un laboratorio esperienziale, direttamente nei luoghi oggetto di rigenerazione. Il corso è legato al progetto "RIGENERArTE", finanziato dalla Regione Veneto (dgr. 718/18), presentato lo scorso 11 dicembre a San Teonisto a Treviso, che ha tra gli obiettivi quello di trasformare vecchie aree industriali in luoghi di cultura da aprire al territorio. Luoghi dove allestire mostre, installazioni artistiche o dar spazio a narratori e artisti delle arti visive per dare libero sfogo alla loro arte. Protagonisti della "rigenerazione" saranno sei artisti, individuati con la collaborazione di Fondazione Benetton Studi Ricerche, che da metà gennaio per sei mesi soggiorneranno nella Marca con una "mission" ben precisa: dare un nuovo impulso a luoghi di lavoro dismessi o solo parzialmente utilizzati e farli tornare vivi e utilizzabili dai cittadini sotto altre forme.

I partecipanti selezionati studieranno i luoghi rigenerati ed affiancheranno nel loro lavoro gli artisti, avendo il compito di documentare, raccontare e testimoniare con moderne tecniche comunicative la nuova vita di questi luoghi una volta "rigenerati".

Per informazioni e adesioni, entro il 4 gennaio, inviare una mail a: gestfin@unisef.it.