Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Imprese contattate da operatori con troppe informazioni e privacy violata

ENERGIA, QUANDO LA CONCORRENZA E' SLEALE

l'intervento di Vendemiano Sartor, presidente di Confartigianato


TREVISO. In queste ultime settimane i telefoni delle imprese associate al sistema Confartigianato Imprese Marca Trevigiana aderenti al CAEM, Consorzio Artigiano Energia e Multiutilities sono stati raggiunti incessantemente da chiamate di sedicenti operatori per conto di società di vendita di energia elettrica e gas che sapevano un po’ troppo.

In un libero mercato è legittimo contattare i clienti per proporre i propri servizi. Quando tuttavia chi chiama è a conoscenza di informazioni riservate, come ad esempio chi fosse il precedente fornitore del cliente, i dati utili per concludere una fornitura e in alcuni casi, addirittura gli Iban bancari, siamo al di fuori di corrette dinamiche di mercato, che vanno segnalate.

E questo è quello che Confartigianato ha fatto, scrivendo al Garante della Privacy, all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed all’Autorità di Regolazione Energia, Rifiuti ed Ambiente.

In questi giorni a seguito del cambio fornitore di energia e gas del CAEM, le aziende sono state bombardate di telefonate e di visite da parte di operatori che fornivano informazioni non corrette e tendenziose non solo sulle forniture in corso ma anche sui contratti proposti, apparentemente vantaggiosi in realtà molto costosi e con clausole vessatorie.

Sono purtroppo anche in circolazione comunicazioni pubblicitarie che reclamizzano la vendita di elenchi clienti riportanti i dati delle aziende.

L’elemento ricorrente nell’approccio telefonico è la consapevolezza in capo a chi chiama della circostanza che l’impresa fosse fornita dal venditore uscente, indicendo il mal capitato in errore.

Contiamo sulla collaborazione delle società di fornitura di energia che, considerandosi parte lesa, intervangano presso le loro agenzie per stoppare questo comportamento assolutamente scorretto.

Vendemiano Sartor, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana