Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Decreto sicurezza "Contestiamo la norma, ma decidano i sindaci"

PD IN PIAZZA SABATO 12 GENNAIO CONTRO LA MANOVRA

Nella Marca organizzati presidi in 15 comuni


TREVISO - Anche nella Marca, il Pd riparte dalla piazza. Sabato 12 gennaio, iscritti e simpatizzati del partito daranno vita a presidi in una quindicina di comuni in tutta la provincia, per manifestare il proprio dissenso alla legge di bilancio del governo gialloverde. Dissenso nel metodo, per lo stop al dibattito parlamentare con il voto di fiducia, ma anche nel merito. E se la mobilitazione ha carattere nazionale, i contenuti della manovra rischiano di avere un impatto pesante soprattutto per Treviso e il Veneto, come ribadisce  il segretario provinciale Giovanni Zorzi.
I Democratici trevigiani vedono nella mobilitazione anche un'ulteriore  tappa del percorso, avviato ad ottobre con la manifestazione in piazza Borsa a Treviso, per creare un’opposizione popolare, dal basso, rispetto a quella che viene definita la deriva politica, culturale e di valori impressa da questo governo”
Di fronte alla decisione di alcuni sindaci di non applicare il decreto sicurezza, i vertici trevigiani sottolineano come il Pd non dia diktat ai propri amministratori e come primo cittadino debba valutare in base alla situazione del proprio comune e della propria maggioranza. Tuttavia il partito rimarca la sua netta contrarietà alla normativa.