Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fondata da Dino Giusti, l'impresa si è sviluppata anche nel settore auto

GI. DI. MECCANICA FESTEGGIA I 35 ANNI SUPERANDO 42 MILIONI DI FATTURATO

L'azienda di Vazzola leader mondiale nelle leve per scarponi da sci


VAZZOLA - Nei giorni scorsi ha festeggiato i primi 35 anni di attività La GI.DI. Meccanica S.p.A. di Vazzola, con un fatturato che ha superato i 42 milioni di euro e 140 dipendenti (cui si aggiungono i 110 della filiale rumena), è diventata leader nella produzione delle leve e meccanismi per gli scarponi da sci: copre ben il 60% del mercato mondiale di questo particolare segmento, ma trasferisce le sue competenze in altri settori, come quello automobilistico, dei raccordi per fluidi e dello sport in generale.
L’azienda è nata dall’idea di Dino Giusti, un imprenditore che dopo esperienze in altre realtà locali ha fondato la sua azienda partendo, come molti, da una piccola officina in affitto. Ora gli stabilimenti in Italia e Romania si estendono su una superficie totale di circa 23mila metri quadrati coperti.
Nel primo periodo la società aveva investito in un settore in crescita nel quale allora pochi credevano , appunto le leve per scarponi da sci e pattini in linea arrivando a risolvere le differenti richieste del mercato con soluzioni innovative, diventate brevetti depositati dell’azienda. “Continuiamo a presentare nuovi brevetti ogni anno, unendo la creatività all’evoluzione tecnologica con l’inserimento in azienda di sistemi evoluti di progettazione”, spiega l’imprenditore
L’azienda trevigiana, con le sue linee produttive robotizzate, dove si lavora 24 ore al giorno, 5 giorni alla settimana, è anche l’unica al mondo ad utilizzare la tecnologia dello stampaggio a freddo per la realizzazione di tutti i componenti principali delle leve.
E se il comparto sportivo rimane il business storico, già da quasi vent’anni la Gi Di. ha cominciato a lavorare per il settore della componentistica per auto, che ora rappresenta il 40% del fatturato.