Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/310: MOLINARI INTERVISTA MOLINARI

Edoardo interroga il fratello Francesco (svelando qualche segreto)


TORINO - Anzitutto una premessa: Edoardo Molinari, che ha conosciuto e lavorato con i maestri più famosi, ha aperto al “Royal Park i Roveri”, un’accademia dedicata al mondo del golf, la più importante in Italia. In essa Dodo, con il suo staff, intende...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nasce un modello innovativo per recuperare i debiti e colmare le lacune

SMART WEEK PER GLI STUDENTI DEL PIO X

Una settimana dinamica con attività alternative


TREVISO - Al Collegio Pio X i docenti hanno messo in moto esperienza e creatività per trarne il massimo profitto scolastico.
Da lunedì ha preso il via un modello innovativo per l’obbligo delle dieci ore di recupero per gli studenti con ‘debiti’. Un modello che, anziché utilizzare l’orario curriculare o quello pomeridiano, comprime le attività obbligatorie in una sola settimana, ‘intelligente, dinamica e smart’, e che al termine permette agli studenti di sapere subito se le lacune sono state sanate. Quindi tempi brevi e certezza dell’esito.
Una smart week senza buchi nell’orario grazie anche allo studio assistito in aule assegnate.
Ma non è tutto. Restavano allo scoperto gli studenti bravi, quelli senza debiti.
Per evitare che rimanessero a casa o poco operosi in classe, è stata organizzata una settimana parallela, anche in questo caso smart, fitta di attività alternative e conferenze.
“La scuola si è data un calendario nuovo per la settimana, distribuito su assi cartesiani, con intreccio di insegnanti, aule, studenti, materie”, ha detto il preside Simone Ferraro, “che ha offerto un quadro di certezze a chi deve riparare, e ricchezza di stimoli agli altri. Il progetto al completo è stato sottoposto a studenti e famiglie ancor prima delle vacanze natalizie per permettere a chi aveva debiti di iscriversi ai corsi, e a chi non ne aveva di scegliere due attività alternative da seguire tra le 15 proposte.
“Grazie alla scelta libera e a classi scomposte”, ha detto ancora il prof. Ferraro, “quei possibili tempi morti si sono trasformati in una opportunità apprezzata dagli studenti che stanno vivendo le attività alternative come veri e propri corsi universitari. I temi scelti vanno dalla linguistica alla musica, dalla conservazione dei libri al teatro, dalla filosofia all’orientamento universitario”.
Affascina e incuriosisce in particolare, tra le quindici opzioni, il laboratorio di chimica, in lingua latina, su cosmetici e medicinali nell’antica Roma. Materia curiosa che permette di scoprire, attraverso lo studio dei testi, i profumi usati da Giulio Cesare.
Una smart week innovativa quindi, ma anche molto utile e di grande appeal per i ragazzi.