Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nasce un modello innovativo per recuperare i debiti e colmare le lacune

SMART WEEK PER GLI STUDENTI DEL PIO X

Una settimana dinamica con attività alternative


TREVISO - Al Collegio Pio X i docenti hanno messo in moto esperienza e creatività per trarne il massimo profitto scolastico.
Da lunedì ha preso il via un modello innovativo per l’obbligo delle dieci ore di recupero per gli studenti con ‘debiti’. Un modello che, anziché utilizzare l’orario curriculare o quello pomeridiano, comprime le attività obbligatorie in una sola settimana, ‘intelligente, dinamica e smart’, e che al termine permette agli studenti di sapere subito se le lacune sono state sanate. Quindi tempi brevi e certezza dell’esito.
Una smart week senza buchi nell’orario grazie anche allo studio assistito in aule assegnate.
Ma non è tutto. Restavano allo scoperto gli studenti bravi, quelli senza debiti.
Per evitare che rimanessero a casa o poco operosi in classe, è stata organizzata una settimana parallela, anche in questo caso smart, fitta di attività alternative e conferenze.
“La scuola si è data un calendario nuovo per la settimana, distribuito su assi cartesiani, con intreccio di insegnanti, aule, studenti, materie”, ha detto il preside Simone Ferraro, “che ha offerto un quadro di certezze a chi deve riparare, e ricchezza di stimoli agli altri. Il progetto al completo è stato sottoposto a studenti e famiglie ancor prima delle vacanze natalizie per permettere a chi aveva debiti di iscriversi ai corsi, e a chi non ne aveva di scegliere due attività alternative da seguire tra le 15 proposte.
“Grazie alla scelta libera e a classi scomposte”, ha detto ancora il prof. Ferraro, “quei possibili tempi morti si sono trasformati in una opportunità apprezzata dagli studenti che stanno vivendo le attività alternative come veri e propri corsi universitari. I temi scelti vanno dalla linguistica alla musica, dalla conservazione dei libri al teatro, dalla filosofia all’orientamento universitario”.
Affascina e incuriosisce in particolare, tra le quindici opzioni, il laboratorio di chimica, in lingua latina, su cosmetici e medicinali nell’antica Roma. Materia curiosa che permette di scoprire, attraverso lo studio dei testi, i profumi usati da Giulio Cesare.
Una smart week innovativa quindi, ma anche molto utile e di grande appeal per i ragazzi.