Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Circa centomila in provincia gli impianti obsoleti

"CONTRO IL PM10 MEGLIO RINNOVARE LE CALDAIE DEI BLOCCHI ALLE AUTO"

L'appello del mandamento di Treviso di Confartigianato


TREVISO - Sono quasi centomila, in provincia di Treviso, gli impianti di riscaldamento ormai obsoleti. Un 10%, addirittura, è costituito da vecchi modelli che bruciano olio esausto, quello sostituito dalle auto.
Favorire la sostituzione con caldaie più moderne ed efficienti, secondo Confartigianato Treviso, avrebbe un effetto ben più sensibile sui livelli di inquinamento dell’aria rispetto alle restrizioni al traffico in vigore. “Questi impianti sono responsabili dell’80% delle emissioni di polveri sottili”, ricorda Luigi Susin, presidente della categoria degli impiantisti termoidraulici dell’associazione imprenditoriale.
Tra contributi comunali, detrazioni fiscali e risparmio dovuto ai minori consumi, il costo medio di una nuova caldaia per un’abitazione, intorno ai 2.500 euro, calcolano gli artigiani, può essere ammortizzato in tre o quattro anni. Senza contare i vantaggi per l’ambiente.
Il Comune di Treviso, per il 2018, ha stanziato 190mila per incentivare il rinnovo degli impianti. L’assessore Alessandro Manera assicura che verranno riproposti.
Pur consapevoli che si tratta di norme di derivazione europea o regionale, gli imprenditori artigiani non nascondono la preoccupazione per le limitazioni alla circolazione. Se gli sforamenti proseguissero fino a far scattare lo stop anche per i veicoli commerciali con motore euro 4, non potrebbero muoversi nel territorio comunale i trequarti dei furgoni e camion oggi in circolazione nella Marca. Al momento, spiega Ennio Piovesan, presidente del mandamento Confartigianato di Treviso, il maggiore della provincia con 2.800 soci, non risultano che nessuno abbia dovuto rinunciare al lavoro, ma certo qualche disagio non manca. E soprattutto crescono i timori per il futuro.