Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ipotesi di spostamento in un altro sito in provincia

STEFANEL, CASSA INTEGRAZIONE PER TUTTI I DIPENDENTI

Interessati 244 addetti su 253, compresi quelli dei negozi


PONTE DI PIAVE - Stefanel è pronta a chiedere la cassa integrazione per la quasi totalità dei suoi dipendenti: 244 su 253 in forza in Italia.Di questi, circa 80 lavorano nel quartier generale di Ponte di Piave, il resto è costituito dagli addetti dei negozi diretti sparsi in molte regioni.
La cassa integrazione straordinaria durerà 12 mesi e per ottenerla l'azienda dichiererà lo stato di crisi aziendale, con conseguenti esuberi: non significa che tutti i 244 lavoratori rischiano il licenziamento. Come di prassi in simili casi, la platea ampia serve a consentire di poter attuare una cassa a rotazione, coprendo solo una parte dell'orario lavorativo, ma per più persone. Alla fine, comunque, qualcuno rimarrà a casa. Il numero preciso, spiega una nota dell'azienda, "dipenderà dal piano oggi allo studio da parte del consiglio d’amministrazione della società”. Il gruppo trevigiano, infatti, gravato da oltre 295 milioni di debito, ha presentato domanda di concordato preventivo in bianco.
Nell'incontro tra l'azienda e i sindacati di oggi pomeriggio, i manager hanno indicato anche la possibilità di mantenere le funzioni di logistica, coordinamento prodotto e stile, import- export, contatti con i fornitori, (che in gergo vengono definite "operation") in un "differente sito aziendale, ubicato il provincia di Treviso". Ipotesi che ha alimentato nuovamente i timori di chiusura dello stabilimento di Ponte di Piave, pur smentita nei giorni scorsi dall'impresa. Dopo che le lavorazioni produttive sono già da tempo affidate all'esterno, lo storico quartier generale, peraltro, rischia di essere svuotato, dal momento che anche altre attività verrebbero spostate alla sede di Milano o esternalizzate.
Nei prossimi giorni verrà avviato il tavolo per definire nei dettagli l'articolazione dell'ammortizzatore sociale.