Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Successo largo ma inutile dei Leoni in Francia

IL BENETTON DOMINA A GRENOBLE MA È ELIMINATO

Per qualificarsi il Connacht avrebbe dovuto perdere in Francia


GRENOBLE - Il Benetton domina in Francia ma le vittorie degli Harlequins ad Agen e soprattutto del Connacht a Bordeax (33-27, meta decisiva d'intercetto) non gli hanno permesso di qualificarsi ai quarti di finale della Challenge Cup. Venerdì la gara era iniziata con i francesi che provavano ad entrare dentro i 22 biancoverdi ma una buona difesa da parte di Ioane permetteva ai Leoni di recuperare il possesso. Nei minuti successivi, con entrambe le squadre che non vogliono rischiare, il gioco rimane sulla linea di metà campo. All’8’ ottimo lavoro di Halafihi che costringe Grenoble al tenuto e si va in touche dentro i 22 m avversari. Dalla rimessa laterale, viene impostata una consistente maul che va dritta in meta con Baravalle. Allan dalla piazzola trasforma. Un secondo tenuto a terra questa volta provocato da Ruzza conduce i Leoni in zona rossa dei francesi, il direttore di gara concede una punizione ai Leoni e Allan aggiunge tre punti con un piazzato. Poco dopo Grenoble prova ad accorciare le distanze dalla piazzola con l’apertura Glenat che calcia fuori Al 18’ Uberti, a ridosso della metà campo, prova ad allargare il gioco ma Tavuyara capisce tutto e con un ottimo intercetto si impossessa della palla e corre andando a siglare la seconda meta degli uomini di coach Crowley; Allan trasforma. I Leoni insistono e così dopo essere entrati ancora una volta dentro i 22 francesi, Steyn e Morisi provano con una doppia carica prima di spostare l’ovale sull’out di sinistra dove Ioane si fa trovare pronto per marcare la terza meta biancoverde. Allan è preciso dalla piazzola. Grenoble prova a reagire portandosi sui 5 biancoverdi. Al 31’ i Leoni fermano con un fallo la maul francese e si porta in touche; al secondo tentativo i padroni di casa vanno in meta con Dussartre, Glenat trasforma. Al 35’ i Leoni vanno in meta con Duvenage ma il direttore di gara annulla tutto per un in avanti commesso nella parte iniziale dell’azione. Allo scadere di primo tempo i biancoverdi aggiungono tre punti con il piazzato di Allan. Nella ripresa i biancoverdi si rendono subito pericolosi nel tentativo di andare in meta, è Negri il più attivo dei suoi che ci prova prima al 47’ senza successo e poi al 52’ andando oltre la linea, siglando quindi la marcatura che vale il punto di bonus offensivo; Allan dalla piazzola aggiunge i due punti. Al 58’ i Leoni rimangono in 14 per giallo a Zanon, ammonito per in avanti volontario. Nonostante l’inferiorità, i biancoverdi non sembrano risentirne e dilagano con Tavuyara che realizza così la doppietta personale. Nel finale ancora gli uomini di Crowley tentano di marcare la sesta meta ma Negri perde il controllo dell’ovale prima di schiacciarlo oltre la linea.

GRENOBLE-BENETTON 7-39
GRENOBLE: 15 Bastien Guillemin, 14 Lucas Dupont, 13 Pablo Uberti, 12 Etienne Dussartre, 11 Teiva Jacquelain, 10 Corentin Glenat, 9 Lilian Saseras, 8 Clement Ancely, 7 Steeve Blanc-Mappaz, 6 Antonin Berruyer, 5 Hans Nkinsi, 4 François Uys, 3 Ali Oz, 2 Mike Tadjer, 1 Mihai Lazar
In panchina: 16 Alexandre Savonnet, 17 JC Janse van Rensburg, 18 Davit Kubriashvili, 19 Mickael Capelli, 20 Thibaut Martel, 21 Theo Nanette, 22 Junior Rasolea, 23 Gervais Cordin
BENETTON: 15 Jayden Hayward, 14 Iliesa Ratuva Tavuyara, 13 Marco Zanon, 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Toa Halafihi, 7 Braam Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Alessandro Zanni, 3 Simone Ferrari, 2 Tomas Baravalle, 1 Nicola Quaglio
In panchina: 16 Hame Faiva, 17 Alberto de Marchi, 18 Tiziano Pasquali, 19 Marco Fuser, 20 Marco Lazzaroni, 21 Edoardo Gori, 22 Ian McKinley, 23 Tommaso Iannone
ARBITRO: Christophe Ridley (Ing)
MARCATORI: 8′ m. Baravalle tr. Allan, 13′ cp. Allan, 19′ m. Ratuva tr. Allan, 25′ m. Ioane tr. Allan, 32′ m. Dussartre tr. Glenat, 40′ cp. Allan, 54′ m. Negri tr. Allan, 72′ m. Ratuva
NOTE Cartellini gialli: 61′ Zanon