Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/252: ISPS HANDA VIC OPER, IL PRINCIPALE TORNEO D'AUSTRALIA

Lo scozzese Law e la francese Boutier beffano i favoriti di casa


GEELONG (AUSTRALIA) - È questo il principale avvenimento golfistico in Australia, in cui, a partecipare sullo stesso campo, il “13th Beach Golf Club”, sono 156 uomini e altrettante donne, seppure, queste ultime con distanze di poco ridotte. Sono 6.214 metri per i maschi, e 6mila...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/251: LE STELLE DELL'EUROPEAN TOUR PER LA PRIMA VOLTA IN ARABIA

Dopo le polemiche sui diritti umani, Dustin Johnson vince il Saudi International


GEDDA - Una sfida ad altissimo livello, con quattro dei primi cinque giocatori della classifica mondiale: l’inglese Justin Rose, numero uno vincitore la scorsa settimana del Farmers Open, gli statunitensi Brooks Koepka numero due, Dustin Johnson, numero tre, e Bryson DeChambeau numero cinque,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/250: DECHAMBEAU RE DEL DESERT CLASSIC

Matteo Manassero invitato al Saudi International


DUBAI - Compiuto l’Abu Dhabi Championship la scorsa settimana, l’European Tour rimane negli Emirati Arabi Uniti. Si disputa ora il Dubai Desert Classic, sul percorso par settantadue dell’Emirates Golf Club. Alla celebrazione dei trent’anni, partecipano Edoardo Molinari,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Progetto nato dalla collaborazione fra Comune e Villorba Rugby

A VILLORBA SORGERÀ IL CENTRO SPORTIVO POLIFUNZIONALE

2 campi da rugby più altre strutture in un'area di 40 mila mq


TREVISO - Dopo la firma della convenzione tra il Comune di Villorba e il Villorba Rugby per l'affidamento di un nuovo lotto di terreni adiacenti gli attuali campi di gioco, avvenuta il 18 dicembre scorso, il progetto per creare su di essi due nuovi campi di rugby congiuntamente ad alcune strutture destinate anche ad altre discipline oltre a un parcheggio di circa 12.000 mq  ha preso corpo e sta delineandosi in tutti i suoi dettagli.
Il progetto redatto dal Comune di Villorba prevede principalmente la realizzazione di 2 campi ausiliari di rugby destinati a campi di allenamento, ma utilizzabili anche per altre discipline. Ciò consentirà al Villorba Rugby di ridurre l'utilizzo del terreno di gioco di via Marconi oggi sovra utilizzato per le partite interne delle squadre maggiori maschili e femminili, consentendo al manto erboso, una volta creati i due nuovi campi di allenamento, piena ripresa. Conferendo all'attuale impianto di Villorba dignità di vero e proprio “stadio” del rugby, capace di allinearsi con i migliori campi da gioco nel Veneto. Al Villorba Rugby spetta di dar vita alle prime operazioni preliminari di sbancamento e livellamento in vista della semina, utile per ritrovarsi con un manto erboso già esistente fin dalla primavera 2020. L'affidamento dei terreni prevede che il Villorba Rugby se ne faccia carico per vent'anni più la possibilità di una proroga di altri 5 anni, poi rinnovabile; impegnerà la società sportiva a creare i due terreni di gioco con l’impianto di irrigazione e di un campo da beach volley regolare ed effettuare i lavori relativi di  bonifica e semina. Oltre che farsi carico dell'ospitalità di una decina di eventi che il Comune di Villorba potrà organizzare ogni anno. Magari aprendo a qualche manifestazione di rilievo o al calcio, ospitando qualche torneo a livello internazionale.
Al Comune spetterà la realizzazione dell'impianto di illuminazione di un campo da rugby ed uno da beach volley, delle sotto strutture rappresentate dal pozzo per l'acqua e dalla cabina elettrica, il muretto che dividerà i campi e la recinzione che dividerà la nuova area dalla ferrovia che la lambisce. L'ipotesi  di un veloce avvio dei lavori  dovrebbe rendere disponibili i campi nel settembre 2020. La collaborazione positiva tra pubblico e privato nei rapporti tra il Comune di Villorba e il Villorba Rugby è testimoniata  del resto da ciò che il sodalizio gialloblù ha già realizzato in passato con i lavori del Club house di via Marconi nel 2004,  la realizzazione della palestra attrezzi, la sistemazione del piazzale, oltre che nel 2012 la realizzazione dei campi di Catena. Per un investimento valorizzabile in circa 500 mila euro.

LA VALENZA POLISPORTIVA

Nella nuova area sportiva oltre ai due campi per il rugby saranno creati due campi di beach volley e due campi di beach rugby. Ciò per dare spazio ad attività destinate a nuovi utilizzatori ed in genere alla cittadinanza per espressa volontà del Comune di Villorba.
“Infatti negli impianti dell’area Palaverde, insistono - sottolinea Marco Serena, sindaco di Villorba - già un campo da calcio con annesse gradinate, la pista di atletica e altre zone attrezzate per diverse diverse discipline sportive. Quindi con l’ampliamento di nuove aree per il rugby e di spazi da destinare ad altre attività fisiche di intrattenimento come il beach volley e  la realizzazione di un “percorso 06” destinato a sviluppare la motricità dei più piccoli, destinato ad accogliere i giovanissimi e le loro famiglie, si viene a consolidare un vero e proprio centro polisportivo al servizio dei cittadini nella zona nord del Comune”.
Una nota ecologica riguarda la possibilità di dotare i vialetti lungo i nuovi campi di gioco e adiacenti alla linea ferroviaria di colonnine di rifornimento elettrico ad uso dei molti ciclisti che percorrono la pista ciclabile Venezia – Monaco che il territorio di Villorba comprende, così come è nelle intenzioni realizzare nel nuovo contesto anche un punto ospitalità capace di offrire assistenza tecnica e logistica ai turisti in bicicletta.

LE PROSPETTIVE

Se da un lato la realizzazione di due campi d'allenamento permetterà di far fronte alle molte esigenze delle tante squadre che fanno capo al Villorba Rugby, dall'altro la società dei “ricci”, anche grazie ai nuovi campi di beach volley e rugby, allarga  la propria capacità  di attrarre nuovi praticanti e di accogliere le famiglie. Un “messaggio sociale” che sta molto a cuore al presidente Alessandro Pietrobon affiancato da tutto il Consiglio Direttivo. E' noto del resto come la società villorbese voglia sempre più poter contare sull'appoggio del territorio. Il suo presidio è favorito dall'alto numero di partecipanti e, in una visione d'assieme e futuribile, sulla favorevole posizione a nord di Treviso, a pochi chilometri dallo svincolo autostradale.

LE ZOLLE IN "VENDITA"

Proprio con questo intento, nel corso della presentazione stampa del Progetto, è stata presentata una simpatica iniziativa. Da qualche settimana il Villorba Rugby ha infatti iniziato la “vendita” simbolica di 500 zolle verdi che andranno a formare idealmente ognuni nuovo campo di gioco. Attribuendo su un grande cartellone che verrà realizzato a breve nella Club House e poi all'ingresso delle nuove strutture, ad ogni zolla il nome di chi l'avrà simbolicamente  acquistata a fronte di un contributo di 50 euro. Un modo per sostenere gli sforzi del Villorba nell'affrontare i lavori ma anche per partecipare idealmente ai suoi progetti.
La realizzazione del Progetto di polo polisportivo rende concreta la possibilità che il Villorba Rugby possa continuare a contare, oltre che sui campi principali di via Marconi e i due nuovi terreni di gioco, anche sugli impianti di Catena e Carità (quest'ultimo già destinato peraltro a mutare destinazione).

I RAPPORTI CON LA FIR

I dirigenti del Villorba Rugby ambiscono ad affrancare nel tempo, non solo attraverso i risultati agonistici e il numero di iscritti, il proprio ruolo di autentico terminale rugbistico della provincia di Treviso. Ciò anche grazie anche ad un ottimo rapporto con la Federazione Italiana Rugby che non può che vedere di buon occhio il fervore di tante iniziative. Considerato pure il crescente “peso specifico” del settore femminile villorbese, che fornisce alla Nazionale moltissime atlete. Il contributo federale erogato alla fine del 2018 per l'attività giovanile a Villorba ne è del resto prova eloquente. Al quale potrebbe aggiungersi un ulteriore contributo qualora la Federazione concretizzi l'ipotesi di creare proprio a Villorba un autentico Centro federale.