Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In libreria il nuovo romanzo del trevigiano Massimo Rossi

DACCI OGGI IL NOSTRO MALE QUOTIDIANO

Un noir ambientato tra Padova e Treviso. (GUARDA LA PUNTATA DI "VENETO UNO CON VOI")


TREVISO. Dopo due noir tra il thriller psicologico e la spystory, rispettivamente ne “L’ombra del bosco scarno”e la luce nera della paura” (entrambi editi da Scrittura & Scritture) lo scrittore veneto con il pallino per il noir torna in libreria con “Dacci oggi il nostro male quotidiano”.
Un romanzo che ha un solo colore: quello del nero come il male umano in diverse facce:
La violenza su bambini stranieri, sfruttati come schiavi, la violenza delle armi, la violenza come risposta alla violenza subita.
La storia infatti si snoda su due ambientazioni: quella veneta, in particolare Treviso e Padova dove è arrivato Akiki, un bambino africano che per sopravvivere deve rubare per altri, personaggio chiave del romanzo anche David, militare un tempo nell’Oregon nelle Forze Speciali, che ha conosciuto il male sotto diverse forme e che ora per vivere lavora come buttafuori di un locale notturno.
Nella storia emergono delle zone di luce: il figlio di David, che a Treviso un giorno si incontra con Akiki e la famiglia di David.
Questa ambientazione, inevitabilmente, si incrocia con quella in Africa, luogo di origine di Akiki e di tante persone costrette a lasciare il proprio paese per continue guerre interne e che in Italia invece finiscono per ingrossare la malavita.
Fanno da contorno intrecciandosi nelle vicende di Akiki e David altri personaggi al servizio del male. Sembra, però, che per ottenere il bene a volte l’unica via da percorrere sia proprio quella del male. È un fiume nero il nuovo e coinvolgente romanzo di Massimo Rossi, che travolge il lettore in un vortice di dubbi.

Galleria fotograficaGalleria fotografica