Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/257: AL PLAYERS CHAMPIONSHIP TRIONFA RORY MCILROY

In Florida il torneo considerato il "quinto major"


FLORIDA - È questo il torneo tra i più attesi del PGA Tour, considerato quasi un quinto major. L’evento ha il montepremi più alto al mondo, ben 12,5 milioni di dollari, con prima moneta di 2.250.000. Oltre a questi, sono in palio 600 punti per la FedEx Cup, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il successo sfuma allo scadere per una meta tecnica

BENETTON AD UN SOFFIO DALL'IMPRESA: A BELFAST FINISCE 17-17

Altra grande prestazione dei Leoni


BELFAST - Si interrompe a Belfast la striscia di vittorie arrivata a 6 del Benetton, ma per un soffio i Leoni noin sono riusciti a battere anche l'Ulster: c'è voluta una meta tecnica allo scadere per regalare il pareggio agli irlandesi. Al Kingspan Stadium di Belfast la gara non comincia bene per i Leoni che dopo appena un minuto vanno in svantaggio a causa della meta di Ludik. I padroni di casa riescono a marcare dopo aver creato superiorità numerica con un’azione veloce sull’out di sinistra. Burns calcia fuori. Match dai ritmi elevanti nei primi minuti di gioco con i Leoni costretti a difendere. All’8 arriva la reazione degli uomini di Crowley che provano a rendersi pericolosi con Zanon lungo la linea laterale di sinistra, ovale poi perso e recuperato prontamente grazie a McKinley che costringe all’in avanti Balaucoune. La meta dei Leoni è nell’aria e arriva al 10’ con Federico Ruzza. Una marcatura nata dall’azione personale di Tavuyara che entra palla in mano dentro i 5 avversari, Duvenage raccoglie e serve il seconda linea biancoverde. McKinley è preciso dalla piazzola. Al 25’ multifase dei Leoni sin dentro i 22 avversari grazie allo scatto di Ioane, purtroppo nel tentativo di giocare l’ovale viene commesso in vanti da Riccioni. E’ veramente un buon ritmo quello imposto dai Leoni che costringe i padroni di casa a stanziare nella loro metà campo. Al 39’ Ulster commette fallo e concede a McKinley la possibilità di andare per i pali ed aggiungere tre punti. Nella ripresa gli uomini di Crowley commettono alcuni falli e permettono all’Ulster di andare in touche sui 5 m. La rolling maul conduce Herring in meta, Lowry colpisce il palo nel tentativo di trasformare. Al 51’ i Leoni conquistano un fallo e si portano in touche a ridosso dei 22 m avversari con il calcio di McKinley. Purtroppo la rimessa laterale viene giocata male e l’ovale torna in possesso di Ulster. Qualche minuto dopo i biancoverdi attaccano sull’out di destra e trovano il varco per andare in meta con l’ala figiana Tavuyara, McKinley dalla piazzola trasforma.  Negli ultimi minuti i padroni di casa provano in tutti modi a cercare il pareggio portando pressione dentro i 22 dei Leoni. Al 70’ i nordirlandesi vanno in touche per ben 2 volte sui 5 m degli uomini di Crowley ma capitan McKinley e compagni resistono bene agli attacchi avversari. Al 75’ importante mischia vinta dai Leoni sui propri 5 m e Leoni che riescono a guadagnare campo. L’ultimo minuto vede i Leoni in controllo della partita, ma un in avanti commesso allo scadere permette all’Ulster di andare in touche. La maul dei padroni di casa va oltre e Nigel Owens assegna la meta tecnica che vale il pareggio definitivo.

ULSTER-BENETTON 17-17
ULSTER  15 Michael Lowry, 14 Robert Baloucoune (54’ Rob Lyttle), 13 James Hume, 12 Stuart McCloskey (41’ Darren Cave), 11 Louis Ludik, 10 Billy Burns, 9 David Shanahan (54’ onny Stewart), 8 Greg Jones (74’ Matt Dalton), 7 Nick Timoney, 6 Ian Nagle, 5 Kieran Treadwell (60’ Clive Ross), 4 Alan O’Connor (C), 3 Marty Moore (55’ Tom O’Toole), 2 Rob Herring (74’ John Andrew), 1 Andrew Warwick.

A disposizione17 Wiehahn Herbst. All. McFarland

BENETTON 15 Luca Sperandio, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Tommaso Iannone (63’ Ignacio Brex), 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley (c), 9 Dewalt Duvenage (76’ Edoardo Gori), 8 Toa Halafihi (68’ Giovanni Pettinelli), 7 Michele Lamaro, 6 Marco Lazzaroni (49’Marco Barbini), 5 Federico Ruzza, 4 Irné Herbst (56’ Marco Fuser), 3 Marco Riccioni (54’ Simone Ferrari), 2 Haime Faiva (54’ Tomas Baravalle), 1 Nicola Quaglio (49’ Cherif Traore). All. Crowley
ARBITRO: Owens (Galles)
MARCATORI: 1’ meta Ludik, 10’ meta Ruzza tr. McKinley, 39’ p. McKinley, 45’ meta Herring, 58’ meta Tavuyara tr. McKinley, 80’ meta tecnica Ulster

NOTE: 13.264 spettatori