Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il successo sfuma allo scadere per una meta tecnica

BENETTON AD UN SOFFIO DALL'IMPRESA: A BELFAST FINISCE 17-17

Altra grande prestazione dei Leoni


BELFAST - Si interrompe a Belfast la striscia di vittorie arrivata a 6 del Benetton, ma per un soffio i Leoni noin sono riusciti a battere anche l'Ulster: c'è voluta una meta tecnica allo scadere per regalare il pareggio agli irlandesi. Al Kingspan Stadium di Belfast la gara non comincia bene per i Leoni che dopo appena un minuto vanno in svantaggio a causa della meta di Ludik. I padroni di casa riescono a marcare dopo aver creato superiorità numerica con un’azione veloce sull’out di sinistra. Burns calcia fuori. Match dai ritmi elevanti nei primi minuti di gioco con i Leoni costretti a difendere. All’8 arriva la reazione degli uomini di Crowley che provano a rendersi pericolosi con Zanon lungo la linea laterale di sinistra, ovale poi perso e recuperato prontamente grazie a McKinley che costringe all’in avanti Balaucoune. La meta dei Leoni è nell’aria e arriva al 10’ con Federico Ruzza. Una marcatura nata dall’azione personale di Tavuyara che entra palla in mano dentro i 5 avversari, Duvenage raccoglie e serve il seconda linea biancoverde. McKinley è preciso dalla piazzola. Al 25’ multifase dei Leoni sin dentro i 22 avversari grazie allo scatto di Ioane, purtroppo nel tentativo di giocare l’ovale viene commesso in vanti da Riccioni. E’ veramente un buon ritmo quello imposto dai Leoni che costringe i padroni di casa a stanziare nella loro metà campo. Al 39’ Ulster commette fallo e concede a McKinley la possibilità di andare per i pali ed aggiungere tre punti. Nella ripresa gli uomini di Crowley commettono alcuni falli e permettono all’Ulster di andare in touche sui 5 m. La rolling maul conduce Herring in meta, Lowry colpisce il palo nel tentativo di trasformare. Al 51’ i Leoni conquistano un fallo e si portano in touche a ridosso dei 22 m avversari con il calcio di McKinley. Purtroppo la rimessa laterale viene giocata male e l’ovale torna in possesso di Ulster. Qualche minuto dopo i biancoverdi attaccano sull’out di destra e trovano il varco per andare in meta con l’ala figiana Tavuyara, McKinley dalla piazzola trasforma.  Negli ultimi minuti i padroni di casa provano in tutti modi a cercare il pareggio portando pressione dentro i 22 dei Leoni. Al 70’ i nordirlandesi vanno in touche per ben 2 volte sui 5 m degli uomini di Crowley ma capitan McKinley e compagni resistono bene agli attacchi avversari. Al 75’ importante mischia vinta dai Leoni sui propri 5 m e Leoni che riescono a guadagnare campo. L’ultimo minuto vede i Leoni in controllo della partita, ma un in avanti commesso allo scadere permette all’Ulster di andare in touche. La maul dei padroni di casa va oltre e Nigel Owens assegna la meta tecnica che vale il pareggio definitivo.

ULSTER-BENETTON 17-17
ULSTER  15 Michael Lowry, 14 Robert Baloucoune (54’ Rob Lyttle), 13 James Hume, 12 Stuart McCloskey (41’ Darren Cave), 11 Louis Ludik, 10 Billy Burns, 9 David Shanahan (54’ onny Stewart), 8 Greg Jones (74’ Matt Dalton), 7 Nick Timoney, 6 Ian Nagle, 5 Kieran Treadwell (60’ Clive Ross), 4 Alan O’Connor (C), 3 Marty Moore (55’ Tom O’Toole), 2 Rob Herring (74’ John Andrew), 1 Andrew Warwick.

A disposizione17 Wiehahn Herbst. All. McFarland

BENETTON 15 Luca Sperandio, 14 Ratuva Tavuyara, 13 Tommaso Iannone (63’ Ignacio Brex), 12 Marco Zanon, 11 Monty Ioane, 10 Ian McKinley (c), 9 Dewalt Duvenage (76’ Edoardo Gori), 8 Toa Halafihi (68’ Giovanni Pettinelli), 7 Michele Lamaro, 6 Marco Lazzaroni (49’Marco Barbini), 5 Federico Ruzza, 4 Irné Herbst (56’ Marco Fuser), 3 Marco Riccioni (54’ Simone Ferrari), 2 Haime Faiva (54’ Tomas Baravalle), 1 Nicola Quaglio (49’ Cherif Traore). All. Crowley
ARBITRO: Owens (Galles)
MARCATORI: 1’ meta Ludik, 10’ meta Ruzza tr. McKinley, 39’ p. McKinley, 45’ meta Herring, 58’ meta Tavuyara tr. McKinley, 80’ meta tecnica Ulster

NOTE: 13.264 spettatori