Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/293: MAURITIUS OPEN TIENE A BATTESIMO IL PRIMO SUCCESSO DEL 18ENNE HOJGAARD

Il baby danese supera al supplementare l'azzurro Paratore


BEL OMBRE (MAURITIUS) - Il secondo evento dell’European Tour 2020 propone la quinta edizione dell’Afrasia Bank Mauritius Open, in programma sul tracciato dell’Heritage GC, a Bel Ombre nell’isola di Mauritius, dove tutto è da sogno, a cominciare dal piccolo porto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'affare dovrebbe essere chiuso entro l'anno

VILLA EMO, ACCETTATA LA PROPOSTA DI ACQUISTO

Credito Trevigiano dice sì all'offerta di un mecenate


VEDELAGO - Villa Emo sarà venduta. Credito Trevigiano, proprietario della cinquecentesca dimora, ha deciso di accettare la proposta di acquisto pervenuta ad inizio anno da un magnate, definitosi grande appassionato del Palladio e intenzionato a riqualificare il complesso, per ricavarne, in parte, anche una struttura ricettiva di lusso.
Sull’operazione, però, il cda della banca di credito cooperativo vedelaghese si è spaccato: alla fine cinque consiglieri, compreso il presidente Piero Pignata, hanno votato a favore, e due contro: Giuseppe Romano, presidente della Fondazione che gestisce villa Emo, e Annalisa Pellizzari. E di certo la scelta di cedere il bene non mancherà di accendere ancora di più le polemiche, già scoppiate in questi giorni.
Una nota dello stesso istituto bancario ufficializza comunque che ora saranno avviate le trattative e le verifiche tecniche per definire nei dettagli la compravendita: l’obiettivo è chiudere l’affare entro l’anno. Ancora top secret l’identità dell’aspirante acquirente: secondo indiscrezioni dovrebbe trattarsi di un imprenditore straniero, mentre la cifra offerta non dovrebbe distanziarsi molto dai 15 milioni di euro, pagati nel 2004 dalla banca per acquisire la villa dalla famiglia Emo Capodilista, salvandola così dal rischio della costruzione di una cava nei terreni adiacenti.
Pericolo, fanno notare i favorevoli alla vendita, ormai non più esistente. Così come dal Credito Trevigiano ribadiscono come non sia un bene primario per l’attività bancaria propriamente detta e, al contrario, grazie alla somma incassata la bcc potrebbe rafforzare il proprio patrimonio. Al contempo, sarebbero garantiti i lavori di restauro che la banca oggi non è più in grado di sostenere.
Nel frattempo, secondo quanto annunciato dal vicesindaco di Vedelago, Marco Perin, si starebbe organizzando anche una cordata di imprenditori locali. Come per tutte le opere di elevata rilevanza storico-artistica, il ministero dei Beni culturali manterrà comunque una prelazione sull'acquisto. Allo stato, però, fanno sapere i vertici, al Credito Trevigiano, non è giunta alcuna altra manifestazione di interesse, né dal pubblico, né da privati.