Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/268: L'U. S. OPEN METTE IN PALIO LA LEADERSHIP MONDIALE

Trionfa Gary Woodland, a Molinari non riesce la rimonta


PEBBLE BEACH (USA) - È il terzo major stagionale americano, ha luogo a Pebble Beach Golf Links in California, una delle maggiori sedi di Golf nel mondo. Sono due gli azzurri a disputare questo importante torneo. Francesco Molinari è affiancato da Renato Paratore, il giovane romano che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sindacati pronti a un pacchetto di 20 ore di sciopero

STEFANEL, ESUBERI PER IL 70% DEGLI ADDETTI A PONTE DI PIAVE

A casa o trasferiti 52 dipendenti su 76


PONTE DI PIAVE - Un taglio di quasi il 70% dell'organico. Al termine del periodo di cassa integrazione, lo storico quartier generale di Stefanel a Ponte di Piave rischia di limitarsi a poco più di una ventina di addetti.
L'azienda dell'abbigliamento, infatti, nel corso di un incontro a Milano, ha comunicato ai sindacati la previsione di un esubero di 52 lavoratori su 76: alcuni di questi dovrebbero trasferirsi negli uffici di Milano (dove già operano sei addetti per il marketing e l'e-commerce), la maggior parte verrebbe licenziata.
L'ipotesi è già stata giudicata inaccettabile dai sindacati: l'assemblea dei dipendenti ha dato mandato alla Filctem Cgil, l'unica sigla rappresentata nello stabilimento, di predisporre un pacchetto di 20 ore di sciopero. Le prime astensioni potrebbero partire a brevissimo.
I lavoratori interessati sono in stragrande maggioranza impiegati e amministrativi: da tempo, infatti, la produzione è stata esternalizzata.
La riorganizzazione, come detto, partirebbe alla fine dei dodici mesi di cassa integrazione straordinaria per crisi: il gruppo, la cui maggioranza è oggi controllata dai fondi di investimento Oxy e Attestor, infatti, nei giorni scorsi ha presentato la richiesta di accedere all'ammortizzatore sociale per la quasi totalità dei propri addetti in Italia: oltre agli occupati della sede centrale e degli uffici meneghini, circa 170 sono commessi dei negozi monomarca a gestione diretta distribuiti in varie regioni italiane. Sempre nel corso della riunione, i manager hanno annunciato l'intenzione, in una prima fase, di spalmare la cig su tutti gli interessati, con un orario di lavoro di 6 ore continuate (anzichè le 8 con pausa attuali) dal lunedì al giovedì e con la sospensione del venerdì. Anche questo aspetto sarà oggetto di discussione.
Stefanel, gravata da 21 milioni di perdite a fine settembre, è stata ammessa al concordato preventivo in bianco ed entro metà aprile deve depositare il piano di rilancio.