Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La giovane racconterà la sua esperienza a 600 studentesse e studenti

LA DROGA SPIEGATA AI RAGAZZI

Giorgia Benusiglio autrice di "Io non smetto, la vita è uno sballo" harischiato di morire dopo aver assunto ecstasy


TREVISO. Sospesi tra infanzia e maturità, ribelli, insicuri, incoscienti. E convinti di essere invincibili. Così si sentono gli adolescenti. Sono sempre attratti da nuove esperienze, e la droga promette di spezzare la noia e il conformismo e di amplificare il divertimento. Se ne prendi poca, non può farti male, si dicono. Anche Giorgia lo ha pensato quando, a 17 anni, ha assunto mezza pastiglia di ecstasy. Cosa poteva succedere per mezza pasticca? Qualche ora dopo, era all'ospedale in coma epatico e si è salvata solo grazie a un trapianto di fegato. A distanza di anni, la sua vita è appesa ai farmaci antirigetto e a continui controlli medici. Oggi è una giovane donna, attivissima, e ha deciso di usare la sua esperienza per mettere in guardia i ragazzi dall'uso di droghe.

Lunedì 4 e martedì 5 febbraio 2019, alle ore 10, Giorgia Benusiglio torna a Treviso, nell’Auditorium della Provincia, per incontrare i giovani nell’ambito di Passi verso l’Altrove 6. Un doppio appuntamento promosso dalla Fondazione Zanetti Onlus che coinvolgerà nove istituti scolastici del territorio e seicento ragazze e ragazzi tra i 14 e i 19 anni, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui gravi pericoli che comporta l'uso, anche sporadico, di sostanze stupefacenti.

«L'età del consumo di droghe è scesa rispetto ad un decennio fa, già ad 11 e 12 anni oggi vengono assunte sostanze. Ormai, infatti, le droghe si acquistano anche sul web ed arrivano direttamente a casa, vengono vendute come profumatori di ambiente, costano poco e sono alla portata di tutti. Negli anni Settanta ed Ottanta la cocaina era considerata la droga dei ricchi, ora è alla portata di chiunque poiché le dosi vengono tagliate con veleni di qualsiasi tipo, lassativi, farmaci scaduti» afferma Benusiglio «tutti sanno che la droga fa male, ma pochi sono consapevoli del fatto che basti un'assunzione per finire all'altro mondo».

Giorgia, che ha da poco pubblicato il suo secondo libro Io non smetto, la vita è uno sballo(2018, Piemme), spiega ai suoi giovani interlocutori che la distinzione tra droghe leggere e droghe pesanti è solo un'illusione, una scusa per convincersi di poter gestire una dipendenza che in realtà ti gestisce, e che il vero sballo è essere stupefacenti restando se stessi, senza il bisogno di giocare alla roulette russa con la propria salute.

Dalle sofferenze fisiche e morali al rapporto con i genitori ai danni connessi con la droga: da 12 anni Giorgia porta avanti un’attività di prevenzione raccontandosi nelle scuole, incontrando migliaia di ragazzi ogni anno, 80.000, 90.000, in tutta Italia, perché il suo errore possa evitare quello di qualcun altro e per dare ai giovanissimi quella giusta informazione che lei non ha avuto. Di prossima uscita nelle sale un film ispirato alla sua storia, La mia seconda volta che, attraverso il progetto Cineeducando, per una settimana sarà proiettato contemporaneamente nelle sale italiane durante l’orario scolastico.