Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Intervento di riqualificazione in corso di realizzazione da Piave Servizi

TRE CHILOMETRI DI TUBATURE TRA CONEGLIANO E SAN VENDEMIANO

risistemata la tubatura esistente senza dover ricorrere allo scavo


CONEGLIANO. Un restyling efficace e senza scavi. L’infrastruttura idrica che collega San Vendemiano e Conegliano che da anni richiedeva costanti interventi di riparazione sarà finalmente efficiente: tre chilometri di tubature riqualificate senza disagi.

Sulla scia dell’opera svolta tra Oderzo e Gorgo al Monticano nei mesi scorsi, Piave Servizi, affidataria «in house» della gestione del Servizio Idrico Integrato del Consiglio di Bacino Veneto Orientale, ha avviato un secondo e più incisivo intervento di riabilitazione idraulica della rete fra i comuni di Conegliano e San Vendemiano.

 Un’iniziativa avente come obiettivo la risistemazione della tubatura esistente senza dover ricorrere allo scavo, grazie alla metodologia di «relining» strutturale. Il «relining» è la soluzione definitiva per ricostruire senza demolizioni le tubazioni. Efficace e conveniente, si sta ormai diffondendo in tutta Europa come alternativa vincente ai metodi di sostituzione tradizionali, riscuotendo un crescente successo. Ulteriore aspetto positivo sono i ridotti disagi per la viabilità, visto che gli scavi ristretti soltanto in corrispondenza dei connettori hanno permesso di avere poche aree di cantiere sulla strada.

 Il nuovo intervento garantirà un risultato finale di resistenza della condotta equivalente a quello che si otterrebbe con la nuova realizzazione della stessa.

 "Quella in via di realizzazione fra Conegliano e San Vendemiano è un’opera importante a cui Piave Servizi teneva in modo particolare – commenta il Presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet – perché permette di riqualificare una struttura fondamentale per i residenti dei due comuni riducendo al massimo i disagi e le difficoltà. In passato sarebbe stato necessario un intervento di sostituzione integrale, invece questa tecnica all’avanguardia ci consente di salvaguardare l’infrastruttura esistente, migliorandone la qualità e la resistenza. Un’ulteriore conferma della costante attenzione di Piave Servizi verso l’innovazione e il progresso, dopo aver sperimentato la nuova tecnica nell’intervento tra Oderzo e Gorgo al Monticano dei mesi scorsi".

 Per questo intervento Piave Servizi utilizza un tubo sintetico molto flessibile che permette una grande duttilità nelle curve e che soprattutto garantisce grande resistenza.  La particolare tipologia costruttiva lo rende perfetto per l’uso in tubi a pressione. La flessibilità e lo spessore estremamente ridotto del materiale ne consentono l’uso per la riabilitazione di tronchi particolarmente lunghi, con curve e pressioni elevate, come quelli compresi proprio nell’area fra Conegliano e San Vendemiano.