Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/252: ISPS HANDA VIC OPER, IL PRINCIPALE TORNEO D'AUSTRALIA

Lo scozzese Law e la francese Boutier beffano i favoriti di casa


GEELONG (AUSTRALIA) - È questo il principale avvenimento golfistico in Australia, in cui, a partecipare sullo stesso campo, il “13th Beach Golf Club”, sono 156 uomini e altrettante donne, seppure, queste ultime con distanze di poco ridotte. Sono 6.214 metri per i maschi, e 6mila...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/251: LE STELLE DELL'EUROPEAN TOUR PER LA PRIMA VOLTA IN ARABIA

Dopo le polemiche sui diritti umani, Dustin Johnson vince il Saudi International


GEDDA - Una sfida ad altissimo livello, con quattro dei primi cinque giocatori della classifica mondiale: l’inglese Justin Rose, numero uno vincitore la scorsa settimana del Farmers Open, gli statunitensi Brooks Koepka numero due, Dustin Johnson, numero tre, e Bryson DeChambeau numero cinque,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/250: DECHAMBEAU RE DEL DESERT CLASSIC

Matteo Manassero invitato al Saudi International


DUBAI - Compiuto l’Abu Dhabi Championship la scorsa settimana, l’European Tour rimane negli Emirati Arabi Uniti. Si disputa ora il Dubai Desert Classic, sul percorso par settantadue dell’Emirates Golf Club. Alla celebrazione dei trent’anni, partecipano Edoardo Molinari,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un magnate vuole acquistare la storica dimora palladiana

VILLA EMO, GIUSEPPE ROMANO LASCIA IL CDA DI CREDITO TREVIGIANO

Era contrario alla vendita del complesso decisa dalla bcc


VEDELAGO - Giuseppe Romano si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Credito Trevigiano. A motivare l'addio, la decisione della banca di credito cooperativo di vendere Villa Emo. Romano, presidente della Fondazione che gestisce la storica dimora, nonché numero uno del consorzio di bonifica Piave, era stato uno dei due consiglieri, insieme ad Annalisa Pellizzari, a votare contro la cessione del complesso. Altri cinque componenti dell'organismo, però, si erano espressi a favore, accettando la proposta d'acquisto di un ancora non meglio precisato magnate straniero. Ora, spiega, in coerenza con la posizione assunta e con l'impegno trentennale per la valorizzazione del territorio, ha preferito lasciare l'incarico.