Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un magnate vuole acquistare la storica dimora palladiana

VILLA EMO, GIUSEPPE ROMANO LASCIA IL CDA DI CREDITO TREVIGIANO

Era contrario alla vendita del complesso decisa dalla bcc


VEDELAGO - Giuseppe Romano si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Credito Trevigiano. A motivare l'addio, la decisione della banca di credito cooperativo di vendere Villa Emo. Romano, presidente della Fondazione che gestisce la storica dimora, nonché numero uno del consorzio di bonifica Piave, era stato uno dei due consiglieri, insieme ad Annalisa Pellizzari, a votare contro la cessione del complesso. Altri cinque componenti dell'organismo, però, si erano espressi a favore, accettando la proposta d'acquisto di un ancora non meglio precisato magnate straniero. Ora, spiega, in coerenza con la posizione assunta e con l'impegno trentennale per la valorizzazione del territorio, ha preferito lasciare l'incarico.