Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un magnate vuole acquistare la storica dimora palladiana

VILLA EMO, GIUSEPPE ROMANO LASCIA IL CDA DI CREDITO TREVIGIANO

Era contrario alla vendita del complesso decisa dalla bcc


VEDELAGO - Giuseppe Romano si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Credito Trevigiano. A motivare l'addio, la decisione della banca di credito cooperativo di vendere Villa Emo. Romano, presidente della Fondazione che gestisce la storica dimora, nonché numero uno del consorzio di bonifica Piave, era stato uno dei due consiglieri, insieme ad Annalisa Pellizzari, a votare contro la cessione del complesso. Altri cinque componenti dell'organismo, però, si erano espressi a favore, accettando la proposta d'acquisto di un ancora non meglio precisato magnate straniero. Ora, spiega, in coerenza con la posizione assunta e con l'impegno trentennale per la valorizzazione del territorio, ha preferito lasciare l'incarico.