Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Obiettivo: inaugurare il complesso per l'autunno 2020

H-CAMPUS, EDIFICI ALZATI PER EVITARE IL RISCHIO ALLUVIONI

Progetto adeguato per rispondere alla Via


RONCADE - Edifici alzati da 30 a 80 centimetri per scongiurare ogni rischio di allagamento, ache in caso di alluvioni catastrofiche. In questo modo i promotori dell'H-Campus contano di poter ottenere il beneplacito della Commissione Via.
Nei mesi scorsi, il progetto del mega complesso scolastico a Ca' Tron di Roncade, destinato ad ospitare 4mila tra studenti, docenti e altri addetti, dalle elementari ai corsi universitari, era stato stoppato e ha dovuto sottoporsi alla procedura di valutazione completa. Una della questioni in ballo era proprio il rischio idraulico. Il gruppo di consulenti ed esperti che assite il fondo di investimento proponente (di cui fanno parte Cattolica Assicurazioni, Cassa depositi e prestiti e H-Farm) ha dunque aggiornato il progetto, anche alla luce di nuovi studi pubblicati nel frattempo.
Sono state effettuate nove simulazioni sulle conseguenze di possibili alluvioni in zona, compresa una simile a quella del 1966. In particolare è stata preso a riferimento un evento con la rottura dell'argine del Piave all'altezza di Salgareda e l'allagamento della pianura. In questo caso, considerando anche l'azione della vicina idrovora di Portesine, nell'area del campus, l'acqua raggiungerebbe un'altezza di un metro e 15 sul livello del mare. Tutti i piani di calpestio dei fabbricati e dei principali percorsi di evacuazione sono stati portati, in via precauzionale, a un metro e 30. Perchè l'acqua raggiunga un tale volume, peraltro, hanno spiegato i tecnici durante una presentazione pubblica, promossa insieme al Comune di Roncade, sarebbero necessarie 105 ore, consentendo dunque tutto il tempo di evacuare il complesso.
E' stato immaginato anche uno scenario ancora peggiore, con la contemporanea esondazione di Piave e Sile e un malfunzionamento dell'indrovora: in questa circostanza, l'acqua salirebbe a 2,20 metri. I presenti potrebbero allora trovare rifugio al primo piano o sul tetto degli edifici: ci sarebbe spazio sufficiente per tutti i frequentatori del campus a pieno regime. Altri adeguamenti sono stati apportati anche al sistema di viabilità locale.
La Via è ora in corso: la risposta della commissione dovrebbe arrivare entro l'estate. Se positiva, in autunno potrebbe partire il cantiere e l'H-Campus, 30mila metri quadrati di aule, laboratori, una grande biblioteca- auditorium, residenze studentesche, strutture sportive aperte a tutti, immersi in 27 ettari di parco, potrebbe essere inaugurato per ottobre dell'anno prossimo.