Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oggi conta 2.800 imprese socie in 22 comuni della Marca centro-meridionale

DAI CALZOLAI AI CREATORI DI APP: 70 DI ARTIGIANATO A TREVISO

Il mandamento di Confartigianato festeggia il suo anniversario


TREVISO - Nel 1951 nella sola città di Treviso operava un centinaio di calzolai, in tutta la provincia erano più di seicento. E c’era anche un paio di rappresentanti della categoria, insieme a sarti, falegnami, un autista, un fotografo, tra i dieci soci che due anni prima, il 7 febbraio 1949, davanti al notaio Marcati firmarono l’atto costitutivo dell’Associazione artigiani della Marca, nucleo originario dell’attuale mandamento di Treviso della Confartigianato.
Oggi l’associazione conta 2.800 imprese socie, per 18mila addetti occupati, nei 22 comuni dalla fascia centromeridionale della provincia: oltre al capoluogo, da Villorba a Mogliano e da Istrana a Zenson. La struttura si articola in cinque sedi, con 85 dipendenti, gestisce la contabilità per 800 ditte con oltre 130mila fatture registrate e 40mila cedolini elaborati all’anno, generando ricavi per 4,2 milioni.
“A Treviso c’erano ancora le macerie della guerra e in pochi possedevano un’automobile, ma i fondatori, con grande lungimiranza, hanno capito l’importanza di mettersi insieme. Fare impresa è sempre stato difficile, ma unendosi si può trovare sostegno”, sottolinea il presidente Ennio Piovesan, insieme ai vice Fabio Battistella e Flavio Guerretta.
Il mandamento di Treviso è stato il secondo a nascere in provincia, preceduto l’anno prima da quello di Conegliano. Solo nel 1969, le singole territoriali hanno dato vita all’associazione provinciale. Una particolarità tutta trevigiana: con l’unica altra eccezione di Venezia, nel resto d’Italia è stata l’organizzazione centrale ad espandersi progressivamente in periferia.
Il 70esimo anniversario di fondazione sarà festeggiato domenica al Teatro Mario Del Monaco. Alla presenza del presidente nazionale di Confartigianato, verranno presentati un video e un libro sulla storia dell’associazione, mentre a Palazzo dei 300 sarà inaugurata un mostra fotografica. E saranno premiate le imprese associate da almeno 50 anni.
Certo dai tempi dei fondatori, l’artigianato nostrano è molto cambiato. Anche negli stessi mestieri prevalenti, come conferma il direttore mandamentale Carlo Ceriana: "Le categorie tradizionali sono ancora vive, ma oggi i comparti principali sono metalmeccanica, autoriparazioni, impiantisti, edilizia e mondo della casa, servizi alla persona o legati all’alimentare, in forte sviluppo. E si vanno affermando gli ‘artigiani digitali’: tra i nostri iscritti ci sono ditte che creano app e gli stessi fotografi sono sempre più videomaker ed esperti di comunicazione multimediale”.