Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Centopercentoanimalisti contro il parroco di Cusignana e la lotteria con una cavalla in premio

BLITZ IN CURIA: MANIFESTI CONTRO IL PARROCO

Attaccato un manifesto sul portone della Curia Vescovile


TREVISO. "Una gabbia d'oro è sempre una gabbia", è la scritta che apparte sul manifesto attaccato questa notte sul portone d'ingresso della Curia Vescovile a Treviso. Il gesto è stato rivendicato da "Centopercentoanimalisti" che contesta il parroco di Cusignana ed in particolare la lotteria organizzata in occasione della sagra che cede come premio una cavalla. Il manifesto è uguale a quello affisso mesi fa sulla statua del Gesù a Cusignana.
"La cavalla esposta in mostra soffre disagio - scrivono gli animalisti in una nota dove viene rivendicato il gesto -. E poi vale il principio: un essere vivente esige rispetto, non è un oggetto".