Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/345 - CAMPI/29: IL GOLF CLUB PARADISO DEL GARDA

Un percorso tra il lago e il monte Baldo, per giocare nell'"empireo"


PESCHIERA - Progettato dal noto architetto americano Jim Fazio, questo prestigioso circuito golfistico è inserito sull’entroterra gardesano, comodamente adagiato sull’anfiteatro morenico del Basso Garda, costituitosi con i depositi glaciali originati dai residui trasportati due...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/344: A DUBAI LA CORSA AL TITOLO DI RE DEL CIRCUITO 2020

Doppio trionfo inglese: a Fitzpatrick il torneo, a Westwood la "Race"


DUBAI - Sono tanti i milioni in palio al DP World Tour Championship di Dubai, che ha l'onere di laureare il miglior giocatore della stagione. Si sta infatti concludendo al Jumeirah Golf Estates di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, la difficile stagione 2020 dell’European Tour, in sintonia con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/343: IL DUBAI CHAMPIONSHIP AL PARIGINO ANTOIONE ROZIER

Eccellente secondo posto per Francesco Laporta


DUBAI - Questa settimana l’European Tour era impegnato in due appuntamenti: uno in Sudafrica, il South African Open, terzo evento che si celebra lì quest’anno, l’altro Il Dubai Championship, negli Emirati Arabi. Noi seguiamo questo di Dubai, penultimo appuntamento della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Sierra Leone è il paese con il più alto tasso di mortalità materna

SEIMILA EURO PER I BAMBINI ORFANI DELLA SIERRA LEONE

La cira è stata donata dai soci della BCC Pordenonese


MONASTIER. Un assegno da seimila euro per aiutare Medici con l'Africa Cuamm e Around Us onlus a curare le mamme ed i bambini in Sierra Leona. Quello africano è infatti il paese al mondo con il più alto tasso di mortalità materna. A cosegnarlo in una breve cerimonia che si è tenuta a Villa delle Magnolgie a Monastiwr è stato Giancarlo Zanchetta, presidente della Fondazione BCC Pordenonese.

Around Us è una Onlus fondata nel 2012 a Monastier e presieduta dal dottor Massimo Dal Bianco; opera in Sierra Leone e da alcuni anni collabora con il CUAMM attraverso le 4 missioni mediche annuali che vedono coinvolti sanitari da tutti gli ospedali veneti. Cura le persone, adulti e bambini, ma soprattutto sostiene gli orfani di ebola e contribuisce all’istruzione di migliaia di ragazzi attraverso Padre Mario Zarantonello, vicentino, Padre Maurizio Boa di Badoere (TV) e Padre Gianni Zanni dell’Ordine dei Giuseppini del Murialdo. La cifra donata è il frutto della solidarietà dei soci della BCC Pordenonese. Ogni anno la Fondazione della BCC Pordenonese, molto attiva nel territorio con svariate iniziative di carattere sociale, devolve parte del ricavato della tradizionale “festa del porsel” ad iniziative solidali. “Questa è la nostra mission: aiutare il prossimo e le persone più bisognose. Il CUAMM ed Around Us Onlus fanno un grande lavoro sia dal punto di vista medico che scolastico. E’ per questo che anche quest’anno abbiamo voluto fare questa donazione che sappiamo andrà direttamente ai bambini orfani che i Padri Giuseppini del Murialdo stanno seguendo nelle famiglie affidatarie e ai quali stanno dando un’istruzione” ha detto il presidente della Fondazione BCC Pordenonese Giancarlo Zanchetta. 

“L’Africa si sta risvegliando, ma ha ancora bisogno dell’aiuto di tutti noi. Questo sostegno che ci viene è destinato alla Sierra Leone, in particolare l’ospedale di Lunsar, dove Medici con l’Africa CUAMM e Around Us Onlus collaborano per la salute di mamme e bambini. La Sierra Leone è, infatti, il paese con il più alto tasso di mortalità materna al mondo e ogni piccolo sostegno può fare la differenza” ha spiegato dottor Cesare Mazzaro del Cuamm durante la cerimonia di consegna.

E prosegue Mazzaro: «Sono sempre di più gli specializzandi italiani, soprattutto di ginecologia, di chirurgia, di medicina e di pediatria che decidono di prestare il proprio servizio ai paesi sub-sahariani. Come CUAMM abbiamo una convenzione con le Università italiane e i giovani possono trascorrere 6 mesi di tirocinio in Africa. È un modo per sperimentarsi in un contesto diverso e per tornare più arricchiti».