Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/278: IL "GIGANTE" BELGA PIETERS TRIONFA AL CZECH MASTERS

Ultimo giro record, Andrea Pavan conquista il terzo posto


PRAGA (REP. CECA) - Lasciamo per il momento tranquilli i 70 più grandi giocatori del mondo, a darsi battaglia nel BMW Championship, la seconda delle tre tappe della FedEx Cup in corso a Medinah nell’Illinois. Il primo torneo, il Northern Trust giocato nel New Jersey, l’abbiamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Sierra Leone è il paese con il più alto tasso di mortalità materna

SEIMILA EURO PER I BAMBINI ORFANI DELLA SIERRA LEONE

La cira è stata donata dai soci della BCC Pordenonese


MONASTIER. Un assegno da seimila euro per aiutare Medici con l'Africa Cuamm e Around Us onlus a curare le mamme ed i bambini in Sierra Leona. Quello africano è infatti il paese al mondo con il più alto tasso di mortalità materna. A cosegnarlo in una breve cerimonia che si è tenuta a Villa delle Magnolgie a Monastiwr è stato Giancarlo Zanchetta, presidente della Fondazione BCC Pordenonese.

Around Us è una Onlus fondata nel 2012 a Monastier e presieduta dal dottor Massimo Dal Bianco; opera in Sierra Leone e da alcuni anni collabora con il CUAMM attraverso le 4 missioni mediche annuali che vedono coinvolti sanitari da tutti gli ospedali veneti. Cura le persone, adulti e bambini, ma soprattutto sostiene gli orfani di ebola e contribuisce all’istruzione di migliaia di ragazzi attraverso Padre Mario Zarantonello, vicentino, Padre Maurizio Boa di Badoere (TV) e Padre Gianni Zanni dell’Ordine dei Giuseppini del Murialdo. La cifra donata è il frutto della solidarietà dei soci della BCC Pordenonese. Ogni anno la Fondazione della BCC Pordenonese, molto attiva nel territorio con svariate iniziative di carattere sociale, devolve parte del ricavato della tradizionale “festa del porsel” ad iniziative solidali. “Questa è la nostra mission: aiutare il prossimo e le persone più bisognose. Il CUAMM ed Around Us Onlus fanno un grande lavoro sia dal punto di vista medico che scolastico. E’ per questo che anche quest’anno abbiamo voluto fare questa donazione che sappiamo andrà direttamente ai bambini orfani che i Padri Giuseppini del Murialdo stanno seguendo nelle famiglie affidatarie e ai quali stanno dando un’istruzione” ha detto il presidente della Fondazione BCC Pordenonese Giancarlo Zanchetta. 

“L’Africa si sta risvegliando, ma ha ancora bisogno dell’aiuto di tutti noi. Questo sostegno che ci viene è destinato alla Sierra Leone, in particolare l’ospedale di Lunsar, dove Medici con l’Africa CUAMM e Around Us Onlus collaborano per la salute di mamme e bambini. La Sierra Leone è, infatti, il paese con il più alto tasso di mortalità materna al mondo e ogni piccolo sostegno può fare la differenza” ha spiegato dottor Cesare Mazzaro del Cuamm durante la cerimonia di consegna.

E prosegue Mazzaro: «Sono sempre di più gli specializzandi italiani, soprattutto di ginecologia, di chirurgia, di medicina e di pediatria che decidono di prestare il proprio servizio ai paesi sub-sahariani. Come CUAMM abbiamo una convenzione con le Università italiane e i giovani possono trascorrere 6 mesi di tirocinio in Africa. È un modo per sperimentarsi in un contesto diverso e per tornare più arricchiti».