Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La difesa: "All'oscuro di tutto, abito a Padova"

GLI INQUILINI COSTRUISCONO UNA MOSCHEA SUL RESTO DI CASA

A processo il proprietario dell'abitazione di Sernaglia


SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA - In una dependance dell’abitazione avevano realizzato una piccola moschea. Solo che la struttura era abusiva e non aveva alcuna autorizzazione ad ospitare funzioni religiose.
A finire a processo, per l’abuso edilizio, è stato un 50enne padovano, il padrone di casa e, in quanto tale, responsabile dell’immobile, situato a Sernaglia della Battaglia, in provincia di Treviso. I fatti risalgono al 2016: l’uomo aveva affittato, con regolare contratto, l’abitazione ad una famiglia marocchina. Fin qui tutto regolare, se non che, gli affittuari, hanno costruito sul retro un ampliamento, dove si tenevano periodicamente riunioni religiose. A segnalare la cosa alle forze dell’ordine, i vicini, insospettiti dal via vai di persone, sempre al venerdì poco prima del tramonto.
Davanti al giudice, il proprietario ha ribadito di essere all’oscuro di tutto: “Ricevo regolarmente l’affitto con un bonifico bancario – si è difeso – non vado sul posto da anni”.