Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/254: IN MESSICO IL RIENTRO IN CAMPO DI FRANCESCO MOLINARI

Il torinese chiude 17° nel torneo vinto da Dustin Johnson


CITTA' DEL MESSICO - Il campionato mondiale messicano segna il rientro in campo di Francesco Molinari, nella prima delle contese stagionali del World Golf Championship. Il torneo si disputa al Club de Golf Chapultepec di Città del Messico, con un montepremi di 10.250.000 dollari....continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Palazzo Foscolo ospiterà fino a giugno 2019 la prima retrospettiva su Tullio Vietri

ODERZO RENDE OMAGGIO A VIETRI

il pittore opitergino che conle sue opere ha raccontato il cambiamento sociale del nostro Paese


ODERZO. La città di Oderzo inaugura il suo 2019 culturale rendendo omaggio ad un importante artista che proprio nel territorio opitergino ha le sue origini: Tullio Vietri.
“Vietri, Cronache Italiane 1958 – 2008. Dipinti di mezzo secolo della nostra storia: dal boom economico alla globalizzazione”, organizzata da Oderzo Cultura e dal Comune di Oderzo grazie al sostegno di wurbs.it, agcm, EUREKA Cultura e Banca Mediolanum – con il patrocinio della Regione Veneto - sarà la prima mostra retrospettiva e antologica riguardante Tullio Vietri, pittore che attraverso le proprie opere si è fatto interprete dei processi di trasformazione socio-economica dell’Italia contemporanea.
L’esposizione, allestita a Palazzo Foscolo (via Giuseppe Garibaldi 65, Oderzo – TV), verrà inaugurata sabato 2 marzo con un evento pubblico aperto alla cittadinanza (ore 18.00), e resterà aperta fino al 2 giugno 2019.
Il percorso espositivo si compone di 84 opere - selezionate dal curatore Roberto Costella – che, in ordine tematico e cronologico, interpretano le condizioni dell’esistenza individuale e collettiva, il vissuto delle piazze e delle periferie cittadine, le dinamiche del territorio e delle vie di comunicazione, ma anche i grandi eventi e le relative ripercussioni sul tessuto sociale del nostro Paese.
Esteticamente Vietri ha elaborato un linguaggio saldamente realistico, teso alla sintesi formale e alla chiarezza contenutistica: una pittura diretta e comunicativa, fedele al naturalismo visivo ma di pregnante valore concettuale e documentale, che nel corso dei decenni è però divenuta più dura e drammatica. Il deliberato cambio di registro pittorico, nelle intenzioni dell’artista, aveva la funzione di rendere palese la regressione e la devastazione incombenti su società e ambiente.
«Siamo orgogliosi di poter offrire l’opportunità di poter accostarsi ad un pittore e uomo di cultura fortemente legato alla nostra città, capace di raccontare con le proprie creazioni gli ultimi cinquant’anni di storia italiana e occidentale. Crediamo che, attraverso l’itinerario artistico di Vietri – che assumendo l’uomo a tema centrale, ha registrato la perdita di prospettiva sociale, civile e culturale, rendendo evidenti la degradazione dei rapporti tra persona, collettività, istituzioni e lo squilibrio tra umanità e natura – i visitatori potranno cogliere l’occasione per riflettere sui mutamenti sociali e meditare una singolare lezione civile, intellettuale e artistica» afferma Roberto Costella.

Galleria fotograficaGalleria fotografica