Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I controlli della Polstrada in officine e rivendite di auto

VEICOLI MAI CANCELLATI DAL PRA, 700MILA EURO DI MULTA AL DEMOLITORE

Stangata ditta di rottamazioni di Zero Branco


ZERO BRANCO - Non richiedeva l'obbligatoria cancellazione dal Pubblico registro automobilistico dei veicoli che rottamava. La sistematica dimenticanza, unita ad altre irregolarità amministrative, è costata al titolare di una ditta di autodemolizioni di Zero Branco la multa record di 700mila euro.
In questo modo, l’imprenditore otteneva un significativo, illecito risparmio. Non solo, i mezzi demoliti risultavano ancora formalmente circolanti, all’insaputa degli stessi proprietari, che si vedevano recapitare la richiesta dei bolli auto non pagati.
E’ il caso più eclatante messo in luce dalla Polizia Stradale di Treviso durante i controlli effettuati in questi primi mesi dell’anno in autofficine, carrozzerie, rivendite, autonoleggi ed altre ditte legate al mondo dei veicoli. Un ambito in cui purtroppo, anche nella Marca, è in aumento il fenomeno dell’abusivismo.
Tra le altre realtà sanzionate, in una rivendita di auto di Paese i poliziotti hanno trovato vetture smontate e posizionate sui ponti elevatori, pronte per le riparazioni, inequivocabile segno di un’attività di officina abusiva. Inoltre, su quattro macchine di alta gamma esposte in vendita e offerte anche su un noto sito internet specializzato, il contachilometri era stato manomesso, per far figurare un chilometraggio di gran lunga inferiore a quello effettivo: in totale, ben 600mila chilometri in meno.
Per questi illeciti, le auto e le attrezzature sono state sequestrate e il titolare della società è stato denunciato per truffa aggravata e multato per 5mila euro. Infine, a un altro demolitore di Gorgo al Monticano sono state contestate violazioni per oltre 1.500 euro per irregolarità sulla tenuta dei registri.